Matteo Renzi 141125101006
VISITA 25 Novembre Nov 2014 1008 25 novembre 2014

Renzi agli eurosocialisti: «Fatti i compiti a casa, più duri da gennaio»

Il premier a Strasburgo: «Piano Juncker per il futuro dell'Europa, non dell'Italia».

  • ...

Clicca sull'immagine per vedere il video.

Il piano «che stiamo approvando qui» non «riguarda il bene di un Paese, ma il futuro di tutta l'Europa: molte delle nostre difficoltà vengono da noi stessi, ma se non andiamo avanti rischiamo di tradire il sogno europeo». Lo ha detto il premier Matteo Renzi nel corso dell'assemblea con gli eurodeputati S&D.
«VERSO NEW DEAL EUROPEO». Ai deputati eurosocialisti il premier italiano ha promesso che «dopo riforme corpose punteremo al new deal europeo. Il primo programma corposo di riforme che si sta componendo: in Ue nessuno ci dice più di fare i compiti a casa. La nostra parte l'abbiamo fatta, dal primo gennaio saremo molto più duri».
«PIÙ FACILE PARLARE DI FLESSIBILITÀ». E ancora: «Ora che abbiamo ottenuto il primo corposo passaggio per le riforme, dal Jobs Act ai decreti attuativi, alla prima significativa delega fiscale, alla legge elettorale, che prima possibile andrà al Senato in seconda lettura, sarà chiaro a tutti che il nostro sforzo riformatore porta a risultati. E sarà più facile parlare di flessibilità».
«C'è una generazione che vive già in un'altra Europa», ha aggiunto Renzi, «se vogliamo essere fedeli a quel messaggio dobbiamo recuperare quell'ideale. O ci mettiamo più speranza o rischiamo di perdere la sfida di un'intera generazione».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso