Padoan 140806155540
RISULTATI 9 Dicembre Dic 2014 1021 09 dicembre 2014

Padoan: «Trovato l'accordo sul bilancio Ue»

Il ministro: «Le risorse per la crescita ci sono». Merkel: «Rispettare le regole».

  • ...

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha annunciato l'accordo sul Bilancio europeo. «Grazie alla presidenza italiana», ha dichiarato, «abbiamo raggiunto un accordo sul bilancio europeo 2014-15 che permette di pagare le bollette arretrate, salvaguardare i bilanci dei Paesi membri e trovare risorse per il rilancio della crescita».
Padoan ha aggiunto: «Lo sforzo in più dall'Ue ha a che fare con l'efficacia delle misure».
Per il ministro, «si tratta di precisare se l'impatto delle misure che il governo ha già adottato è effettivamente corrispondente all'ammontare di aggiustamento che era stato già concordato con la Commissione europea».
«NON È UNA MANOVRA AGGIUNTIVA». Quindi, parlando anche della volontà dell'Ue, ha precisato che «non si tratta di una manovra aggiuntiva, ma lo sforzo in più ha che fare con l'efficacia delle misure».
«Per questo», ha aggiunto, «continuiamo a discutere in modo molto produttivo con la Commissione sulla valutazione di misure che abbiamo già introdotto».
Ogni misura, secondo il ministro, «non è semplicemente scrivere un numero su un pezzo di carta ma chiedersi se effettivamente le misure avranno l'effetto che pensiamo in base alle caratteristiche tecniche delle misure stesse». Ed è «un discorso molto nei dettagli che abbiamo già iniziato e che va completato».
«SFORARE IL TETTO 3%? NON PORTA CRESCITA». «Pensare che sfondare il tetto del 3% possa produrre più crescita è profondamente sbagliato, dal punto di vista della fattualità economica produrrebbe una reazione negativa sui mercati e si invertirebbe la tendenza del debito che ci verrebbe addosso e sarebbe un onere che non possiamo permetterci», ha poi spiegato Padoan tornado sulla replica di Palazzo Chigi all'ipotesi di uno sforamento del tetto ipotizzata da alcuni organi di stampa.
Per l'Italia «la via d'uscita dal debito è la crescita, che non si ottiene con la bacchetta magica ma con una combinazione di riforme strutturali che aggrediscono gli ostacoli, stimolo a investimenti privati e continuando a consolidare il bilancio in modo amico della crescita», ha poi proseguito Padoan al termine dell'Ecofin.

Correlati

Potresti esserti perso