Fitto Berlusconi 141119183318
CENTRODESTRA 18 Dicembre Dic 2014 2353 18 dicembre 2014

Fitto-Berlusconi, incontro decisivo il 22 dicembre

Il frondista non arretra e riunisce i suoi. Ma il leader: Forza Italia sia unita fino all'elezione del Colle.

  • ...

Raffaele Fitto e Silvio Berlusconi.

L'appuntamento è per lunedì 22 dicembre ad Arcore. Lì Silvio Berlusconi è destinato a incontrare la pattuglia dei 13 esponenti di Forza Italia che siedono ai banchi del Parlamento europeo. Nulla di eccezionale se non che tra i commensali dell'ex premier c'è anche il capo dei frondisti Raffaele Fitto. Tra i due i rapporti restano ai minimi storici e il Cavaliere non fa mistero di sopportare a fatica le 'mosse' dell'ex governatore. Difficile però che si arrivi al redde rationem perchè Berlusconi sa bene che, per poter 'contare' nei giochi sulla presidenza della Repubblica, Forza Italia deve presentarsi al gran completo, senza nessuna defezione. Fino alla presidenza della Repubblica non ci si può permettere divisioni.
RIUNIONE DEI FRONDISTI. Fitto, dal canto suo, per ora evita affondi diretti consapevole che strumenti per cacciarlo da Forza Italia non ce ne sono. E la riunione organizzata il 18 dicembre con i suoi deputati aveva come scopo principale quello di mandare un messaggio proprio all'inquilino di Arcore: siamo e restiamo dentro Forza Italia. Partecipiamo alle cene con tutto il gruppo, è il messaggio, ma non arretriamo dalle nostre posizioni. Anzi, nel corso dell'incontro, la linea non cambia ed ha come perno la volontà di essere coinvolti nelle decisioni del partito, dai temi politici alle questioni più interne. In realtà l'incontro del 18 dicembre - viene spiegato da alcuni presenti - ha avuto come piatto forte la legge elettorale e lo slittamento dell'entrata in vigore dell'Italicum. Se così fosse - spiegano i fittiani - noi non possiamo che accogliere la notizia con favore valutando anche la possibilità di non fare nessun ostruzionismo. Lo spiraglio aperto sulle riforme però non modifica di una virgola l'atteggiamento della fronda.
PARTITA DELLE REGIONALI. L'attesa è ora per il pranzo ad Arcore lunedì 22. L'intenzione di Berlusconi è quella di evitare scontri ed appellarsi alla necessità che il partito resti unito in vista della partita sul Quirinale. A rischiare però di complicare la situazione interna di Fi è la partita sulle candidature alle prossime regionali. Se è vero che l'election day ha spostato i termini di presentazione delle liste, è altrettanto vero che il nodo resta soprattutto per la Puglia, regione in cui Fitto non arretra dalla richiesta di primarie.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso