Waldorf Astoria 141006201016
RETROSCENA 18 Dicembre Dic 2014 1500 18 dicembre 2014

Usa-Cuba, New York Times: nel 1963 Kennedy tese mano a Fidel

Secondo uno storico il presidente tese la mano al leader de L'Avana quattro giorni prima di morire.

  • ...

New York: il presidente Usa, John Fitzgerald Kennedy al Waldorf-Astoria Hotel (29 aprile 1961).

A Miami Beach, quattro giorni prima di morire, il presidente J.F. Kennedy pensò di tendere la mano a Fidel Castro.
Secondo un articolo di Michael Beschloss pubblicato sul New York Times un diplomatico Usa alle Nazioni Unite e il medico personale di Fidel discussero la possibilità di un incontro all'Avana che avrebbe potuto cambiare la rotta di decenni di storia.
VOLONTÀ CONCILIATRICE. Dopo la clamorosa svolta nei rapporti del 17 dicembre è riemerso così un singolare episodio del passato.
Il 18 novembre 1963, all'Americana Hotel di Miami, un Kennedy in smoking chiese al suo speechwriter Theodore Sorensen d'inserire nel discorso che avrebbe fatto a un gruppo di anti-castristi parole di apertura verso il leader cubano.
PIANI ANDATI IN FUMO CON MORTE. Lo stesso giorno, col beneplacito del presidente, l'ambasciatore William Atwood, alto funzionario Usa alle Nazioni Unite, contattò poi segretamente il medico e collaboratore di Castro Rene Vallejo per concordare un incontro all'Avana.
Piani andati in fumo il 22 novembre a Dallas.
«Se Kennedy fosse sopravvissuto, il ramoscello d'ulivo di Atwood avrebbe portato a migliorare le relazioni tra Washington e l'Avana», ha raccontato Beschloss.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso