Corea 140310195116
ALTA TENSIONE 20 Dicembre Dic 2014 2049 20 dicembre 2014

Risoluzione Onu, la Corea del Nord agita lo spettro nucleare

L'Alleanza chiede di sanzionare il regime. Che rilancia le sue ambizioni atomiche.

  • ...

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un.

Crescono ora dopo ora le tensioni tra la Corea del Nord e l'Occidente.
Oltre all'affaire Sony, che ha portato Pyongyang e Washington a scambiarsi accuse infuocate, il clima è reso ancora più elettrico dalla risoluzione Onu sulle presunte violazioni dei diritti umani da parte del regime di Kim Jong-un.
L'Alleanza ha chiesto per la prima volta che «gli abusi sistematici» nei confronti della popolazione locale siano sanzionati dalla Corte penale internazionale dell'Aja.
Il testo, sponsorizzato in particolare da Ue e Giappone, si spinge ben oltre i limiti finora osservati sul tema negli anni precedenti. Si chiedono sanzioni contro la Corea del Nord fino a un processo a carico della sua leadership.
KIM PRONTO AD AUMENTARE LA CAPACITÀ NUCLEARE. Dura la reazione di Pyongyang, secondo cui la risoluzione è stata costruita da «forze ostili in base a trame, bugie, invenzioni e pratiche prepotenti e arbitrarie».
Il regime di Kim, per tutta risposta, s'è detto pronto ad aumentare la «capacità nucleare» e a prendere «ogni altra misura utile».
La nota prende poi di mira gli Usa, accusati di «una politica ostile premeditata» e finalizzata all'invasione «sotto la scusa dei diritti umani».
Un approccio che fa cadere, di riflesso, la vexata quaestio della denuclearizzazione della penisola e la rinuncia definitiva di Pyongyang alle ambizioni atomiche: «Gli Stati Uniti hanno ridotto a carta straccia tutti gli accordi siglati dal momento in cui hanno lanciato l'azione a tutto campo sui diritti umani contro la Corea del Nord».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso