Vendola 140614202048
OFFERTA 20 Dicembre Dic 2014 1632 20 dicembre 2014

Vendola: «Se il Pd vuole, Prodi al Quirinale alla quarta votazione»

Il leader di Sel fa la sua proposta. Salvini: «No a rottami come lui o Amato».

  • ...

Il leader di Sel, Nichi Vendola.

Nichi Vendola offre il suo sostegno alla candidatura di Romano Prodi al Quirinale, tornata in auge dopo l'incontro dei giorni scorsi tra l'ex presidente del Consiglio e Matteo Renzi.
«Se il Pd vuole», ha detto il leader di Sinistra, ecologia e libertà nel corso del suo intervento all'assemblea del partito, «dopo quattro votazioni possiamo eleggere Prodi al Quirinale». Per l'attuale governatore della Puglia, il prossimo «inquilino del Colle deve essere un elemento di speranza e fiducia in un paese estenuato».
«ALLA LARGA DAL NAZARENO». Sel è disposta a votare un presidente della Repubblica che, come dice Renzi, deve avere un largo consenso? «Se si tiene fuori dalla partita la fonte prevalente di inquinamento, ossia il patto del Nazareno, allora è possibile eleggere subito il presidente della Repubblica», ha risposto lo stesso Vendola. «Se l'inquilino del Colle da eleggere serve per ridare speranza e un'immagine pulita delle istituzioni, allora Sel potrà essere della partita». Vendola ha, quindi, commentato le frizioni interne ai dem: «Civati non è Godot, e non saremo in attesa di Godot, ma dobbiamo valorizzare certe prese di posizione: si sta aprendo una crepa vera in quel mondo».

SALVINI: «NO A PRODI O AMATO». Chi proprio non vuol sentir parlare di Romano Prodi è, invece, il leader della Lega Nord Matteo Salvini. La scelta del nuovo presidente della Repubblica è l'ultima delle preoccupazioni», ha premesso il segretario del Carroccio a margine di una manifestazione contro l'immigrazione clandestina organizzata dalla Lega a Torino. «Spero solo che a essere eletto non sia un vecchio rottame della sinistra, come Prodi, Amato o quella gente lì».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso