Raffaele Cantone Presidente 140612091549
DICHIARAZIONI 22 Dicembre Dic 2014 1040 22 dicembre 2014

Cantone: «Per la corruzione serve una corsia rapida»

Il presidente dell'Authority sul ddl del governo: «Si poteva fare di meglio ma è un passo avanti».

  • ...

Raffaele Cantone, presidente dell'autorità anticorruzione.

Il presidente dell'Authority Anticorruzione Raffaele Cantone, intervistato dal Corriere, ha parlato del ddl sulla corruzione «il governo deve attivarsi per una corsia che sia più veloce possibile. È assolutamente urgente».
«Poteva essere qualcosa di meglio. Però è un passo avanti rispetto al passato. La valutazione deve essere complessiva, altrimenti si sbaglia la prospettiva. Le critiche dell'Anm? Difendo la scelta dell'Anm di far sentire la propria voce, non solo sul piano strettamente sindacale, ma su questioni politiche».
«ABBIAMO IL REATO DI ANTIRICICLAGGIO». «Detto questo», ha continuato il presidente, «la critica al singolo disegno di legge credo non tenga conto che il governo in questo anno ha fatto cose importanti».
E ha sottolineato: «Abbiamo finalmente il reato di autoriciclaggio e contro il voto di scambio politico-mafioso abbiamo un testo di legge che il capo della Direzione nazionale antimafia ha definito perfetto».
«MODIFICARE LA PRESCRIZIONE». E alla domanda se l'intervento sulla prescrizione sia a suo avviso debole Cantone ha risposto: «La prescrizione va modificata. Questo è certo. In commissione Giustizia c'è un testo di riforma assolutamente positivo. In questo senso la scelta del ddl è corretta. Così pure sarebbe meglio ampliare lo strumento per fare emergere la corruzione con misure premiali per chi collabora. E poi c'è da fare un intervento sulle intercettazioni».
Per queste ultime Cantone ha invitato a «utilizzare la stessa normativa dei reati di mafia. In parlamento poi il testo si può arricchire con la riforma del falso in bilancio, la prescrizione, il codice degli appalti».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso