Delrio 140223153551
PROGETTI 31 Dicembre Dic 2014 0719 31 dicembre 2014

Delrio: «Dopo le riforme uniremo le Regioni»

Il sottosegretario studia l'accorpamento. E tende la mano a Juncker.

  • ...

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio.

Per il 2015 il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, punta su due pilastri: lavoro e riforme. Intervistato da Repubblica, l'esponente del governo ha puntato i riflettori sui lavoratori pubblici, in riferimento al Jobs Act, che ancora non riguarda il settore.
«IL PUBBLICO SIA EFFICIENTE». Secondo Delrio, «gradatamente il lavoro pubblico dovrà adeguarsi ai principi di efficienza, esattamente come il lavoro privato. La pubblica amministrazione», ha proseguito, «deve funzionare bene e un ministero non deve pensare di essere un pezzo autonomo dello Stato e le Regioni si raccordino con gli altri servizi pubblici».
Sull'ultimo punto il sottosegretario ha le idee chiare: vuole accorparle, ma paretendo da una discussione che «non interferisca con il percorso rapido della riforma costituzionale».
«SIAMO DALLA PARTE DEL LAVORO». Alla domanda se il governo sia più dalla parte degli imprenditori o dei lavoratori, Delrio ha risposto di essere «dalla parte del lavoro» e ha sottolineato la necessità di aumentare gli investimenti pubblici. «Dobbiamo ricorrere a un progetto europeo di investimenti pubblici sul modello Usa. Il piano Juncker va nella direzione giusta», ha sottolineato.
Sul difficile rapporto con i sindacati, Delrio ha precisato: «Stiamo provocando una grande rivoluzione e questo crea malumore. Ma una democrazia che decide non è deriva autoritaria né incapacità di ascoltare, né arroganza».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso