Beppe Grillo 141116175527
IL CASO 5 Gennaio Gen 2015 1145 05 gennaio 2015

Roma, Grillo si schiera con i vigili: «Marino dimettiti»

Il leader M5s sul blog: «Vogliono distogliere l'attenzione da Mafia Capitale». Al via 30 provvedimenti.

  • ...

Il leader del M5s, Beppe Grillo.

Sembra destinato a non aver fine il caso dei vigili urbani a Roma.
Mentre il governo ha promesso una rapida inchiesta per far luce sulla vicenda, a favore dei caschi bianchi capitolini si è schierato Beppe Grillo, con un post pubblicato sul suo blog dal titolo 'La verità sui vigili di Roma', accompagnato dal lancio dell'hashtag #forzavigili.
CHIESTE DIMISSIONI MARINO. Il leader penstastellato ha chiesto le dimissioni del sindaco Ignazio Marino, già al centro di critiche da parte dei sindacati, per non aver escluso possibili licenziamenti tra i vigili.
Grillo sul suo sito ha parlato di «accanimento mediatico da parte del governo e dei giornali al suo servizio».
Nel post viene fornita la testimonianza sulla notte di Capodanno di David, «un vigile urbano della Capitale».
TENTATIVO «DISTOGLIERE ATTENZIONE». Secondo Grillo il caso dei vigili assenteisti servirebbe all'amministrazione comunale per «distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalla vicenda di Mafia Capitale collusa con i politici del Comune. A proposito, Marino e Poletti quando vi dimettete?» Le parole di Grillo hanno fatto esplodere la polemica col Partito democratico, che ha chiosato a varie voci: «Grillo difende l'indifendibile e ha perso la bussola».
INTERROGAZIONE IDV ALLA CAMERA. E sulla vicenda dell'assenza dal servizio dei vigili è arrivata anche l'interrogazione alla Camera da parte dell'Italia dei valori.
«Abbiamo chiesto se i ministri fossero a conoscenza delle azioni poste in essere dal Comune di Roma per tutelare l'interesse e l'ordine pubblico ed in particolare se siano state disposte verifiche al fine di accertare le responsabilità del comandante del corpo dei vigili urbani e di ogni altro soggetto, a qualsiasi livello», si legge nel testo presentato dal'Idv.
AL VIA 30 PROVVEDIMENTI. Intanto, gli ispettori del ministero della Pubblica amministrazione sono arrivati nella sede centrale della polizia locale di Roma per far luce sul caso già oggetto di un'indagine amministrativa. I primi 30 provvedimenti disciplinari a carico di altrettanti vigili urbani assenti dal lavoro la notte di Capodanno a Roma sono stati proposti dal Corpo della polizia locale alla Commissione disciplinare del Campidoglio. Le sanzioni previste in casi del genere vanno dalla sospensione per 11 giorni fino al licenziamento.
I dati divulgati dal Campidoglio parlano in totale di «44 posizioni risultate palesemente fallaci, cioè prive di una qualsiasi giustificazione fondata per l'assenza dal lavoro», cifra che però «non riassume la totalità delle anomalie e non deve essere confusa con i dati generali che certificano comunque una eccezionalità difficilmente spiegabile».

Correlati

Potresti esserti perso