Obama 141105112509
STATI UNITI 6 Gennaio Gen 2015 2205 06 gennaio 2015

Obama, è già scontro col Congresso

«No all'oleodotto Keystone». La Casa Bianca fa sapere che metterà il veto sul progetto. 

 

  • ...

Barack Obama.

Il presidente degli Stati Uniti è pronto a mettere il veto e bloccare il via libera dei parlamentari al controverso oleodotto Keystone. Il 114esimo Congresso degli Usa a guida repubblicana si è insediato da poche ore, ma è già scontro con Barack Obama. La Casa Bianca ha fatto sapere che il presidente porrà il veto se i repubblicani approveranno il progetto.
La votazione sulla legge è attesa a breve, anche perchè la destra, dopo la vittoria alle elezioni di midterm di novembre, aveva detto che il dossier energia, oltre alla riforma sanitaria e all' immigrazione, sarebbe stato in cima all'agenda del Congresso una volta iniziati i lavori.
IL PRESIDENTE NON FIRMA. «Se la legge sarà approvata, il presidente non la firmerà», ha detto il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ribadendo che Obama vuole attendere il parere del Dipartimento di Stato, che ha la giurisdizione sugli oleodotti cross-border. L'annuncio della Casa Bianca giunge nel giorno di insediamento del nuovo Congresso con la nomina di Mitch McConnell a leader della maggioranza al Senato e di John Boenher, confermato speaker della Camera per il terzo mandato.
I REPUBBLICANI HANNO I VOTI. L'oleodotto Keystone, (l'impianto ha un valore di 6 miliardi di dollari), fortemente combattuto dagli ambientalisti, dovrebbe trasportare il petrolio canadese alle raffinerie nell'area del golfo del Messico ed era già stato bocciato nel 2014 dal Senato ancora a maggioranza democratica. Ora però i repubblicani hanno i voti per ottenere un'approvazione iniziale oltre che alla Camera, che dovrebbe esprimersi venerdì 9 gennaio, anche al Senato che potrebbe votare il progetto nelle settimane successive.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso