Riforme Senato Voto 140731194224
POLITICA 7 Gennaio Gen 2015 1820 07 gennaio 2015

Legge elettorale, Boschi: «Italicum in vigore dal 2016»

Il ministro lo ha annunciato in Senato rispondendo a una domanda di Roberto Calderoli.

  • ...

Il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi nell'Aula di Palazzo Madama.

Il governo è favorevole a una clausola di salvaguardia all'Italicum che lo faccia entrare in vigore nel 2016.
Lo ha annunciato il ministro Maria Elena Boschi nell'Aula del Senato rispondendo ad una domanda di Roberto Calderoli, che ha ritirato così la sua questione sospensiva.
CALDEROLI E LA LEGA. Calderoli aveva illustrato la propria questione sospensiva, che proponeva il ritorno dell'Italicum in commissione, affermando però che la posizione sua e della Lega dipendeva dall'atteggiamento del governo rispetto alla clausola di salvaguardia. È quindi intervenuto il ministro Boschi: «Per il governo», ha spiegato, «è opportuno che la Legge elettorale possa essere approntata tenendo conto delle riforme Costituzionali» che sono ora all'esame della Camera e che porteranno all'abolizione di un Senato elettivo.
«FAVOREVOLI A IMMEDIATA APPROVAZIONE». «Alla luce di questo», ha spiegato pur ribadendo l'impegno del governo di arrivare al 2018, alla scadenza naturale, riteniamo opportuna una Legge elettorale in grado di ottenere una sistemazione dell'attuale vuoto», dopo la sentenza della Corte costituzionale. Quindi il governo è favorevole ad una immediata approvazione dell'Italicum, «ma prevedendo la sua efficacia in una data successiva all'entrata in vigore della riforma costituzionale e quindi ragionevolmente al 2016».
Calderoli ha definito quelli di Boschi «chiarimenti necessari e graditi»; «piuttosto che il niente è meglio il piuttosto», ha aggiunto Calderoli, annunciando il ritiro della questione sospensiva.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso