Francesco Caruso 150112193527
UNIVERSITÀ 12 Gennaio Gen 2015 1935 12 gennaio 2015

Catanzaro, cattedra all'ex no global Caruso: polemiche

L'ex deputato di Rc: «Scelto per il mio curriculum». Il Coisp attacca: «Nomina inspiegabile».

  • ...

Francesco Caruso.

Si è scatenata a Catanzaro la polemica per la scelta dell'università Magna Grecia di affidare all'ex parlamentare di Rifondazione comunista ed ex esponente no global Francesco Caruso una cattedra in Sociologia dell'ambiente e del territorio.
Ma Caruso sostiene che la scelta dell'ateneo si è basata sul suo curriculum. «Guardiamo l'aspetto positivo di questa vicenda», ha affermato, «e cioè che esiste nel capoluogo calabrese un'istituzione di un certo rilievo, come l'università Magna Grecia, dove puoi insegnare anche senza avere padrini, padroni e padreterni alle spalle. Pur senza conoscere nessuno, mandi il curriculum e vieni valutato per quello che sei: dovrebbe essere la normalità, e invece già questo rappresenta un atto quasi 'rivoluzionario' in un ambiente come quello dell'accademia in Italia ancora soffocato da baronati e nepotismo».
«NOMINA INSPIEGABILE». Contro l'assegnazione della cattedra a Caruso l'11 gennaio sono intervenuti il presidente del consiglio comunale di Catanzaro, Ivan Cardamone, e il segretario del Coisp della Calabria, Giuseppe Brugnano. Quest'ultimo aveva fatto riferimento ad una «nomina francamente inspiegabile che ci indigna e ci preoccupa per la ricaduta che potrebbe avere sugli studenti».
LA CGIL LO DIFENDE. A favore di Caruso si era espressa invece la Cgil, secondo la quale gli «attacchi di cui è stato oggetto Francesco Caruso manifestano chiusura culturale e concezioni di destra e illiberali». I componenti del direttivo dell'Associazione Nazionale Sociologi hanno stigmatizzato il loro mancato coinvolgimento nella scelta e si sono chiesti come mai «sono stati utilizzati i criteri di scelta che allo stato attuale promuovono la cultura senza promuovere l'esempio».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso