Giorgio Napolitano Dimissioni 150114123323
DAY AFTER 15 Gennaio Gen 2015 1315 15 gennaio 2015

Napolitano al lavoro a Palazzo Giustiniani

L'ex capo di Stato nel suo nuovo ufficio. Serracchiani: «Senza voti Cav impossibile elezione».

  • ...

Roma: Giorgio Napolitano lascia il Quirinale il giorno delle sue dimissioni da presidente della Repubblica (14 gennaio 2015).

Dopo il commiato e l'inizio della corsa per la sua successione Giorgio Napolitano si è subito recato al lavoro a Palazzo Giustiniani.
Ad attenderlo la presidente Valeria Fedeli, che ha accompagnato l'ex capo di Stato nel suo ufficio al quarto piano.
«VADO A FARE L'INDISPENSABILE». «Oggi è un giorno normale, vado a palazzo Giustiniani a fare l'indispensabile», queste le prime parole dell'ex presidente della Repubblica uscito dalla sua abitazione nel rione Monti poco dopo le 11.30, per la prima volta da 'semplice' senatore a vita.
Davanti alla casa dell'ex capo di Stato fin dall'alba c'era un piccolo gruppo di cronisti, fotoreporter e videoreporter, assieme ad alcuni curiosi che aspettavano di salutarlo.
Attorno alle 10 un camion di traslochi è arrivato per scaricare pezzi d'arredamento destinati a casa Napolitano.
SERRACCHIANI: «SENZA CAV NON SI ELEGGE». Sul voto imminente (si parla come prima data del 29 gennaio) la vicesegretaria del Pd, Debora Serracchiani, è intervenuta aMix24, il programma di Radio24 condotto da Giovanni Minoli.
«Senza Berlusconi non si può eleggere il nuovo presidente della Repubblica», ha detto con chiarezza il governatore del Friuli- Venezia Giulia.
La Serracchiani ha aggiunto che «credo che non si potrebbe e dovrebbe fare mai senza alcuna forza politica. I numeri sono abbastanza chiari. Anche tenuto conto che dopo il quarto scrutinio c'è una maggioranza assoluta, in ogni caso servono dei numeri importanti, anche per legittimare il prossimo presidente».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso