Tsipras Grecia 141210162158
ATTESA 19 Gennaio Gen 2015 1800 19 gennaio 2015

Grecia, sondaggi unanimi: Tsipras verso la vittoria

Secondo le ultime rilevazioni Syriza otterrebbe il 29,5% dei consensi. Ma nessuna certezza sul governo monocolore.

  • ...

Alexis Tsipras.

Alexis Tsipras trionfatore nelle elezioni politiche in Grecia del 25 gennaio.
A prevederlo ben 12 sondaggi d'opinione svolti a metà gennaio, e anche uno studio statistico dell'Università della Macedonia.
SECONDO NEA DIMOKRATIA. Il quotidiano Kathimerini ha fatto infatti una media tra i vari rilevamenti: secondo questo «sondaggio dei sondaggi» il movimento guidato da Tsipras, Syriza, otterrebbe il 29,5% dei consensi, Nea Dimokratia 25,7%, To Potami (centrosinistra) 6% mentre Alba Dorata si fermerebbe al 5,2%.
In media, il 10,9% dei greci è indeciso su chi votare.
DUBBIO SU MONOCOLORE. La soglia per entrare in parlamento è del 3%. Se si ipotizza che quel 10,6% decida alla fine di votare per qualcuno dei partiti in lizza, un calcolo di probabilità farebbe arrivare Syriza al 34,7% e ND al 30,2%, con il resto dei voti sparsi tra le forze più piccole.
Il quotidiano nota però come sia difficile prevedere se Syriza riuscirà a formare un governo monocolore; ciò dipende dal numero di partiti minori che entreranno o resteranno esclusi dal parlamento.
Più ne restano fuori, più bassa sarà la percentuale di voti necessaria al partito vincente per governare senza alleanze.
Se i piccoli partiti prenderanno il 12% complessivo dei voti, ad esempio, il partito di maggioranza relativa otterrà i 151 seggi necessari (su 300) con il 35,6% dei voti (la maggioranza relativa garantisce un bonus di 50 seggi).
MANOVRE PER ALLEANZE. Secondo il giornale, i partiti da tener d'occhio in questa prospettiva sono il Kinima di George Papandreou e i Greci indipendenti, il cui ingresso in parlamento è assai incerto.
Intanto, quando manca solo una settimana al voto, sembrano già iniziate manovre per formare possibili alleanze per il post-elezioni.
Dimitris Koutsoumpas, segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Greco Kke, ha chiuso a ogni accordo con Tsipras.
Per il leader del Pasok, Evangelos Venizelos invece «c'è bisogno di un governo di unità nazionale con tutte le forze democratiche, se possibile progressiste, che credano nel futuro della Grecia nell'euro».
Nel caso Tsipras vinca le elezioni, Venizelos appoggerebbe il prossimo governo.
E mentre un sondaggio condotto dalla società Kapa Research, per conto del settimanale To Vima, ha rivelato che l'86% degli intervistati considera le elezioni del 25 gennaio decisive per il futuro della Grecia, al centro del duro confronto politico tra i leader dei partiti si trovano i programmi economici dei due partiti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso