Yemen 140922174819
GOLPE 21 Gennaio Gen 2015 1520 21 gennaio 2015

Yemen, tivù: «Presidente agli arresti domiciliari»

Prevista una modifica alla costituzione per porre fine alle violenze a Saana.

  • ...

Alcuni combattenti del movimento antiregime Shiite Houthi.

Dopo che il 20 gennaio i ribelli sciiti Huthi sono tornati all'attacco, impadronendosi del palazzo presidenziale, il capo dello Stato yemenita Abed Rabbo Mansur Hadi, ha raggiunto il 21 gennaio un accordo con gli insorti per porre fine alle violenze a Sanaa, accettando di modificare la costituzione per allargare la presenza dei ribelli in parlamento e nelle istituzioni statali. Lo ha riferito l'agenzia di Stato Saba.
Secondo alcune fonti vicine a Hadi il presidente sarebbe stato tenuto agli «arresti domiciliari» dagli insorti dal 21 gennaio.
IL PREMIER MESSO IN SALVO. Il premier Khaled Bahhah si sarebbe invece messo in salvo in un «luogo sicuro» dopo che i ribelli sciiti hanno circondato la sede del governo a Sanaa. Lo ha riferito la tivù al Arabiya.

Correlati

Potresti esserti perso