Segrate 110913170508
DECISIONE 27 Gennaio Gen 2015 1945 27 gennaio 2015

Islam, Lombardia approva legge anti-moschee

Via libera alla proposta della Lega che stabilisce regole più onerose per costruire nuovi luoghi di culto.

  • ...

La moschea di Segrate, in provincia di Milano.

Il Consiglio regionale lombardo ha approvato la cosiddetta legge 'anti-moschee', che stabilisce regole urbanistiche più onerose per autorizzare l'apertura di nuovi edifici di culto.
POSSIBILE IL REFERENDUM. Ha votato a favore il centrodestra, contro le opposizioni.
La legge impone ai richiedenti di farsi carico delle spese per parcheggi, strade e impianti di video-sorveglianza (obbligatori).
Ai progetti, di rispettare il «paesaggio lombardo» e il vaglio di una procedura Vas.
Ai Comuni è data la facoltà di indire referendum consultivi.
La legge regionale proposta dal capogruppo della Lega Nord Massimiliano Romeo, è stata approvata dal Consiglio lombardo con alcune modifiche rispetto al testo licenziato in commissione Territorio.
VALIDO PER TUTTE LE RELIGIONI. Per renderlo più chiaro e scongiurare di essere dichiarata in futuro incostituzionale, come paventato dagli stessi uffici legali della Regione, la maggioranza di centrodestra ha specificato nel testo che le norme valgono sia per le confessioni religiose che hanno firmato intese con lo Stato italiano sia per quelle che non hanno un'intesa, come l'Islam.
In entrambi i casi, dovranno essere stipulate convenzioni in materia urbanistica con i Comuni interessati.
Nel secondo caso, quello che riguarda per esempio l'Islam, le richieste di autorizzazione di apertura di un luogo di culto in Lombardia saranno però sottoposte a un ulteriore controllo da parte di una nuova Consulta regionale «per il rilascio di parere preventivo e obbligatorio sulla sussitenza dei requisiti» richiesti.
I Comuni lombardi devono approvare entro 18 mesi un piano e, secondo la nuova legge regionale, avranno facoltà di indire un referendum consultivo sulle richieste di aprire luoghi di culto, se lo strumento è previsto nei loro Statuti.
SERVE DISTANZA MINIMA. In ogni caso, per aprire nuovi edifici di culto in Lombardia bisognerà tra l'altro garantire che sorgano a una «distanza minima» da altri e che abbiano una superficie di parcheggi pari ad almeno il doppio di quella dell'edificio.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso