Maurizio Sacconi Giuliano 141118001116
POLITICA 1 Febbraio Feb 2015 1255 01 febbraio 2015

Sacconi: «In discussione rapporto con Renzi»

Il senatore Ncd: «Concepisce ogni legame politico come taxi per una corsa specifica. Alfano è un amico».

  • ...

Maurizio Sacconi e Giuliano Poletti.

Dopo l'elezione del presidente della Repubblica continuano le tensioni dentro il centrodestra.
Maurizio Sacconi, che ha confermato le sue dimissioni da capogruppo di Area popolare a Palazzo Madama, ha spiegato che «non è in discussione la mia leale amicizia e collaborazione con Angelino Alfano, quanto piuttosto il nostro rapporto con il presidente del Consiglio e segretario del Partito democratico ed il suo metodo cinico dei rapporti politici variabili».
«CONCEPISCE RAPPORTO POLITICO COME TAXI». L'ex di Forza Italia ha rincarato la dose dicendo che Renzi «sembra concepire ogni rapporto politico come un taxi per una specifica corsa».
Secondo Sacconi «nel momento in cui egli ha ridato peso politico alle sinistre più conservatrici, interne ed esterne al Partito democratico, è ragionevole pensare che abbia pagato il relativo prezzo con particolare riguardo alla riforma del lavoro, del fisco e della giustizia».
Ci sono dei rischi per «con i prossimi decreti delegati sul sistema tributario o sulle tipologie contrattuali del lavoro e sui temi etici come il matrimonio per tutti o le adozioni omosessuali: il metodo Renzi non è quindi né indolore nè incolore», ha concluso il politico veneto.

Correlati

Potresti esserti perso