Finocchiaro 150202063802
POLITICA 2 Febbraio Feb 2015 0635 02 febbraio 2015

Governo Renzi, Finocchiaro in pole per il ministero degli Affari regionali

La senatrice Pd possibile sostituta di Lanzetta. Niente rimpasti nell'esecutivo.

  • ...

La senatrice Pd, Anna Finocchiaro.

Ora che la partita dell'elezione del presidente della Repubblica è finita e Sergio Mattarella, candidato del Partito democratico, è stato piazzato al Quirinale, il premier Matteo Renzi è tornato a pensare al governo. E alle prossime mosse all'interno dell'esecutivo. Su tutte il caso della poltrona lasciata libera da Maria Carmela Lanzetta che ha detto addio all'incarico di ministro degli Affari regionali.
Il segretario dem ha precisato che non ci saranno vertici di governo, ma si procederà a «semplici sostituzioni» dove si presenteranno i buchi (il ministro Maurizio Lupi potrebbe correre come sindaco di Milano lasciando il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti).
FINOCCHIARO VERSO IL GOVERNO. Per ora, quindi, c'è da pensare al sostituto di Lanzetta che avrebbe dovuto trasferirsi in Calabria per diventare assessore anche se poi ha rinunciato all'incarico (ormai però aveva dato le dimissioni dall'esecutivo): Renzi ha spiegato che per il ruolo vuole una donna per «mantenere l'equilibrio di genere».
In pole position, secondo quanto riferito dal quotidiano La Repubblica, c'è Anna Finocchiaro, il cui nome era emerso più volte per l'elezione del Colle come sostituta di Mattarella.
CURRICULUM IMPECCABILE. La senatrice dem, non si dimentichi, ha instaurato un ottimo rapporto con il ministro delle Riforme - e fedelissima di Renzi - Elena Maria Boschi e nelle sue vesti di presidente della commissione Affari costituzionali, Finocchiaro ha aiutato il percorso delle riforme del governo.
Inoltre è già stata ministro per l'Ulivo e presidente del gruppo parlamentare: insomma, la senatrice Pd ha un ottimo curriculum per accedere all'esecutivo. Anzi, forse è il posto di Lanzetta a sembrare poco in linea con Finocchiaro, visto che il principale dossier - quello dei fondi europei destinati agli enti locali - è finito nelle mani del sottosegretario Graziano Delrio.

Correlati

Potresti esserti perso