Umberto Bossi 140220122420
GIUSTIZIA 5 Febbraio Feb 2015 1415 05 febbraio 2015

Truffa rimborsi Lega, chiesto giudizio per Bossi e Belsito

Alla procura di Genova l'inchiesta sulla presunta truffa sulle spese elettorali per 40 mln.

  • ...

Umberto Bossi, fondatore della Lega Nord, mostra il pugno duro.

La procura di Genova ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex segretario della Lega Nord, Umberto Bossi, e l'ex tesoriere, Francesco Belsito, per la presunta truffa sui rimborsi elettorali ai danni dello Stato da circa 40 milioni di euro.
Oltre a Bossi e a Belsito, il sostituto procuratore Paola Calleri ha chiesto il giudizio anche per altri tre componenti del comitato di controllo di secondo livello del Carroccio: Stefano Aldovisi, Diego Sanavio e Antonio Turci. L'inchiesta era stata trasferita nel capoluogo ligure dopo che il gip milanese aveva dichiarato l'incompetenza territoriale.
DUE BONIFICI PER LA CIFRA DI 5,7 MILIONI. Per Belsito c'è anche l'accusa di appropriazione indebita aggravata: si sarebbe impossessato della somma complessiva di 5,7 milioni di euro. Una prima tranche (pari a 1,2 milioni di euro) sarebbe stata stornata «dal conto corrente della Lega attraverso un bonifico in favore della società inglese Krispa Enterprices della quale Paolo Scala era titolare effettivo, presso la banca di Cipro, somma della quale una parte pari a 850 mila euro è stata restituita nel febbraio 2012». Un secondo importo (pari a 4,5 milioni di euro) sarebbe stato trasferito, sempre tramite bonifico, dal conto del Carroccio a quello «intestato a Stefano Bonet presso la Fbme Bank della Tanzania, somma non accreditata per il rifiuto di quest'ultima banca, la quale non aveva ritenuto sufficiente la documentazione allegata, ma restituita soltanto nel febbraio 2012».
TRUFFA AI DANNI DELLO STATO. Secondo i magistrati, gli indagati avrebbero usato soldi pubblici, circa 40 milioni di euro, per scopi personali. Il periodo preso in considerazione dagli inquirenti va dal 2008 al 2010.
In particolare, i cinque sono accusati di truffa ai danni dello Stato perché, si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, «in concorso tra loro - Umberto Bossi nella qualità di legale rappresentante del partito Lega e Belsito nella qualità di tesoriere nonché Aldovisi, Sanavio, e Turci in qualità di componenti del comitato di controllo contabile di secondo livello, con artifici e raggiri (e in particolare attraverso la redazione e presentazione di irregolari rendiconti degli esercizi 2008, 2009, 2010), traendo in inganno i revisori pubblici nominati dei presidenti della Camera e del Senato deputati al controllo di regolarità di tale rendiconto e traendo in inganno gli stessi presidenti di Camera e Senato che disponevano la liquidazione dei rimborsi, ottenevano la somma di circa 40 milioni di euro».
L'INCHIESTA PORTÒ ALLE DIMISSIONI DI BOSSI. «Gli artifici e i raggiri - prosegue il pm - sono consistiti nel riportare nel rendiconto false informazioni circa la descrizione delle spese sostenute, in assenza di documenti giustificativi di spesa e in presenza di spese effettuate per finalità estranee agli interessi del partito politico in modo tale da non consentire né ai soggetti ingannati né a qualsiasi altro lettore del documento contabile di valutare l'effettiva destinazione delle risorse finanziarie assegnate al partito dallo Stato».
L'inchiesta, che ha preso avvio nel 2012, portò alle dimissioni del Senatur e a un vero e proprio terremoto politico all'interno del Carroccio.

Correlati

Potresti esserti perso