Renzi_Berlusconi
POLITICA 7 Febbraio Feb 2015 1916 07 febbraio 2015

Berlusconi: «Il Pd non ha rispettato gli accordi»

Silvio attacca Renzi: «Sognavo un cammino condiviso, lui ha tradito i patti». Sull'Italicum: «Rischiamo la deriva autoritaria». I dem: «È quasi commovente».

  • ...

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi.

Accusa Matteo Renzi di avere tradito i patti. Di aver fatto sfumare il suo «sogno» di un «progetto condiviso» sulle riforme.
Infine, lo addita al cospetto degli italiani come fonte di pericolo, in grado di trascinare il Paese «verso una deriva autoritaria».
Silvio Berlusconi sfoga tutta la sua frustrazione ai microfoni del Tg5, lanciando parole di fuoco all'indirizzo del premier e parlando ormai al passato di quel Patto del Nazareno che - stando ai bene informati - è sì incrinato, ma non è in frantumi, dopo lo sgarbo consumatosi sul Quirinale.
«IL PD HA TRADITO I PATTI». «Avevamo creduto di poter fare insieme le riforme istituzionali e la legge elettorale e di avere un presidente della Repubblica condiviso», ha dichiarato Berlusconi il 7 febbraio. «Ma il Partito democratico non ha rispettato i patti per puri interessi di parte».
Così, ha chiosato, «è venuto meno il nostro sogno».
«RISCHIAMO LA DERIVA AUTORITARIA». «Non era questo», ha proseguito, «il Patto del Nazareno che volevamo, non era questo l'obiettivo che volevamo raggiungere insieme per il bene del Paese».
Duri, durissimi i toni anche sulla legge elettorale: «Per come si sta delineando, con una sola Camera eletta dal popolo, con il terzo premier non eletto dagli italiani, avvertiamo il rischio che vengano meno le condizioni indispensabili per una vera democrazia che ci si possa avviare verso una deriva autoritaria».
«LAVORO PER UN CENTRODESTRA UNITO». Chiusura dedicata al capitolo alleanze. «Lavorerò con rinnovato impegno perché il centrodestra possa ritornare unito e possa offrire al Paese quelle urgenti soluzioni che finchè ho avuto l'onore di presiedere il governo avevano garantito agli italiani più benessere, più sicurezza, più libertà», ha detto il Cavaliere. «Il Paese ha necessità di riforme strutturali ben diverse da quelle proposte dalla sinistra».
I DEM: «DICHIARAZIONI FUORI CONTROLLO». Immediata la risposta del Pd. Prima Deborah Serracchiani ha ironizzato: «Berlusconi che parla di deriva autoritaria è quasi commovente».
Poi Lorenzo Guerini ha rincarato la dose: «Berlusconi è incoerente tra ciò che dice e ciò che ha votato. Mi sembrano dichiarazioni un pò fuori controllo e registro, fatte per tenere insieme il proprio partito piuttosto che espressione di valutazioni di merito reale».

Correlati

Potresti esserti perso