Tribunale 131017093023
APPROVAZIONE 10 Febbraio Feb 2015 2002 10 febbraio 2015

Processo civile, via libera del Cdm alla delega sulla riforma

Atti giudiziari e sentenze più sintetiche. Tribunale: previste sezioni specializzate per famiglia e i minori.

  • ...

L'aula di un tribunale.

Via libera del Consiglio dei ministri (Cdm) alla delega sulla riforma del processo civile.
Il pacchetto si prefigge di rendere più celeri e agevoli i procedimenti, rivedendo i meccanismi di impugnazione e prevedendo atti giudiziari e sentenze più sintetiche. Ampliate le competenze del tribunale delle imprese e previste sezioni specializzate per famiglia e i minori.
DECONGESTIONARE PENDENZE. La delega sul civile segue al decreto per smaltire l'arretrato già diventato legge. Obiettivo: decongestionare un carico da 5 milioni e mezzo di pendenze nel 2013, che «ora sta rientrando all'interno di una domanda fisiologica», ha affermato Orlando, attestando un calo di circa 350 mila cause a fine 2014.
Il provvedimento affida nuove competenze al tribunale delle imprese come controversie su concorrenza sleale e pubblicità ingannevole, class action dei consumatori, cause su contratti pubblici di lavori, servizi o forniture.
Il numero delle sezioni resterà inalterato, ma saranno riviste le piante organiche.
ALBO IN OGNI SEZIONE. E presso ogni sezione si conta di istituire un albo di esperti di ragioneria, contabilità, economia e mercato che potranno anche essere ascoltati in udienza pubblica nel contraddittorio con le parti.
Presso i tribunali ordinari saranno poi istituite sezioni specializzate per famiglia, minori e persona, cui passeranno le competenze in quest'ambito ora in capo al tribunale civile ordinario, compresi i giudizi di separazione e divorzio.
Verrà poi rivisto il sistema delle impugnazioni per assicurare un iter più celere ai procedimenti.
Nel testo si afferma il principio della sinteticità degli atti e delle sentenze.
Un insieme di misure richiesto anche dall'informatizzazione e dal processo civile telematico, che partito a fine giugno, ha prodotto oltre 12 milioni e mezzo di comunicazioni depositate e 44 milioni di risparmio consolidato.

Correlati

Potresti esserti perso