Bolrini 141218121847
POLITICA 11 Febbraio Feb 2015 1107 11 febbraio 2015

Riforme, Boldrini: «No a ostruzionismo, ma governo ascolti»

La presidente della Camera cerca di favorire l'intesa in Aula. E dà l'ok ai tempi aggiuntivi per i gruppi.

  • ...

La presidente della Camera, Laura Boldrini.

L'iter delle riforme, dopo gli attriti tra Pd e Forza Italia, viaggia su strade molto complicate.
Per questo motivo la presidente della Camera Laura Boldrini ha cercato di appianare le divergenze: «Auspico che le opposizioni non si concentrino su pratiche meramente ostruzionistiche e da parte della maggioranza e del governo un atteggiamento che eviti improduttivi irrigidimenti».
«Il mio impegno fondamentale, in questi giorni, è di favorire un'intesa tra la maggioranza e i gruppi di opposizione sull'iter di esame della riforma costituzionale», ha detto la Boldrini.
OK A TEMPI AGGIUNTIVI PER GRUPPI. Intanto la presidente della Camera ha dato l'ok ai tempi aggiuntivi per l'esame delle riforme nell'aula della Camera.
Alla Capigruppo, davanti a una inattesa apertura unilaterale del capogruppo Pd Roberto Speranza, la presidente della Camera ha concesso un terzo dei tempi in più per favorire un confronto sul merito senza ostruzionismo».
SPERANZA: «NO A VETI». Proprio in aula Speranza è stato chiaro: «È giusto che ci siano i tempi aggiuntivi. L'opposizione ha il diritto di discutere, ma la maggioranza ha il diritto a vedere andare avanti i provvedimenti».
«Non accetteremo veti. Nelle prossime ore valuteremo tutte le possibili soluzioni per ragionare sul merito delle riforme, ma a chi pensa di poter opporre veti diciamo no e siamo pronti alla più grande battaglia politica e parlamentare», ha ammonito il capogruppo Pd.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso