Ministro Riforme Costituzionali 150127180019
AUT AUT 11 Febbraio Feb 2015 1616 11 febbraio 2015

Riforme, il Pd: «Ritiro emendamenti o seduta fiume»

Ultimatum dem all'opposizione. Il capogruppo Speranza: «Impedimento inaccettabile».

  • ...

Il ministro per le Riforme costituzionali Maria Elena Boschi.

Dopo aver concesso un'apertura sui tempi, il Pd chiede all'opposizione di ritirare la gran parte dei 3 mila subemendamenti presentati alla riforma costituzionale.
Se la trattativa non andrà a buon fine, nella serata dell'11 febbraio il capogruppo Pd alla Camera Roberto Speranza chiederà la seduta fiume in Aula. È quanto emerso dall'assemblea del gruppo in corso.
«IMPEDIMENTO INACCETTABILE». «È del tutto evidente però che se dovesse venire meno nelle prossime ore un'ipotesi di intesa allora non potremmo più accettare che la minoranza impedisca l'approvazione di una riforma attesa da vent'anni», ha chiarito Speranza. Che all'assemblea dem ha spiegato la linea del partito sulle riforme: più tempo per la discussione a patto che l'opposizione ritiri gran parte dei 3 mila emendamenti.
«L'ALTERNATIVA? BATTAGLIA POLITICA TASPARENTE». «Io lavorerò fino all'ultimo secondo utile» - sostiene Speranza - «per trovare questa intesa con le opposizioni. Ma sia chiaro: il Pd ha fatto la sua parte ma se le opposizioni non dovessero rinunciare ai sub emendamenti non avremmo altra strada che intraprendere una battaglia politica limpida e trasparente».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso