Renzi 150209063140
USCITA 18 Febbraio Feb 2015 1522 18 febbraio 2015

Torino, Renzi: «No all'idea di un'Italia pigra e rassegnata»

Il premier alla General Motors: «Faremo le riforme per superare i limiti del Paese».

  • ...

Il premier Matteo Renzi.

Nuove parole di ottimismo da parte del premier Matteo Reni, in visita a Torino alla General Motors.
«L'Italia è da sempre la terra in cui il domani arriva prima, non siamo rassegnati all'idea di una Italia pigra e rassegnata», ha detto il leader del Pd.
Poi uno sguardo alla locomotiva europea: «Siamo un paese manifatturiero, secondo alla Germania, ma li riprenderemo».
«INDUSTRIA LAGNA NON VINCE». Il presidente del Consiglio ha ribadito che «l'industria della lagna non è vincente, ma quella dell'innovazione e della curiosità».
E rivolgendosi ai giovani ricercatori del centro Gm di Torino ha voluto dire che «l'immagine del Paese è quella di una industria della lagna e questo mi rammarica. In tutti i talk show si parla di cervelli all'estero e a noi restano pancreas e fegato».
«Siamo una realtà che continua ad avere molti limiti, fare le riforme vuol dire superarli», ha aggiunto Renzi nel suo intervento.
«CON RIFORME CAMBIO REGOLE DEL GIOCO». Al Politecnico il premier ha voluto spiegare invece che «finirà il noioso ping pong dei talk show per il quale siamo solo un paese con cervelli in fuga ma emergerà che siamo il Paese che più di ogni altro può trarre vantaggio dalla globalizzazione».
«Questo è l'obiettivo di riforme strutturale che sono un cambio delle regole del gioco fondamentale e imprescindibile», ha aggiunto nel suo intervento a Torino.
INCONTRO CON MARCHIONNE. In precedenza il premier si era recato nello arrivato nello stabilimento di Mirafiori.
Ha incontrato i vertici di Fiat Chrysler Automobiles, il presidente John Elkann e l'amministratore delegato Sergio Marchionne.
E in questo caso Renzi non aveva nascosto la sua soddisfazione: «Sono gasatissimo dai progetti di Marchionne».

Correlati

Potresti esserti perso