Immigrazione 150219125558
EMERGENZA 19 Febbraio Feb 2015 1255 19 febbraio 2015

Immigrazione, Bruxelles rafforza l'assistenza all'Italia

La Commissione Ue estende l'operazione Triton fino a fine 2015. Stanziati 13,7 milioni di euro.

  • ...

Un'operazione di salvataggio di migranti nel Mediterraneo.

L'Unione europea ha deciso di «rafforzare l'assistenza all'Italia per l'immigrazione». A comunicarlo è stato il commissario per le Migrazioni Dimitris Avramopoulos, che ha spiegato come Palazzo Berlaymont abbia confermato di estendere almeno fino a fine 2015 l'operazione Triton.
L'esecutivo Ue «è pronto a reagire rapidamente a qualsiasi richiesta dell'Italia di aumentare le risorse per Triton», ha continuato Avramopoulos, precisando che la Commissione Ue ha stanziato 13,7 milioni di euro dal fondo per l'Asilo.
GENTILONI: «UN PRIMO PASSO». Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è fiducioso: «Si tratta di un primo passo in risposta alle sollecitazioni del governo italiano. Confidiamo che al vertice dei Commissari del 4 marzo», appuntamento europeo dedicato all'Agenda per la migrazione, «siano definite ulteriori azioni per far fronte all'urgenza della sfida».
«L'ITALIA NON È SOLA». La decisione di Bruxelles, è stato spiegato da Avramopoulos, è stata presa per dimostrare che «l'Europa è al fianco dell'Italia» e che «Roma non è sola» a fronteggiare l'emergenza migranti.
«Abbiamo sentito l'appello dell'Italia e stiamo rispondendo in tutti i modi che possiamo», ha poi aggiunto il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans in una nota. «Siamo pronti a rispondere in modo costruttivo se l'Italia identifica la necessità di rafforzare le risorse per l'operazione Triton».
SBARCHI AUMENTATI DEL 59% RISPETTO AL 2014. Il ministro Gentiloni aveva chiesto alla Commissione di intervenire con una lettera indirizzata all'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Federica Mogherini, al vicepresidente della Commissione Frans Timmermans e agli altri sei commissari competenti per i temi migratori. Nella lettera sono state descritte le dimensioni dell'emergenza in atto, con l'incremento del 59% degli sbarchi nei primi 45 giorni del 2015 rispetto al 2014.
MOGHERINI: «LIBIA INTERESSE STRATEGICO PER L'UE». Mogherini e Timmermans, nella loro risposta al governo italiano, hanno sottolineato come «sia indispensabile lavorare insieme per risolvere le situazioni di crisi nei Paesi della nostra regione, a cominciare dalla Libia. Non è solo un dovere morale, ma anche un interesse strategico e una priorità politica di tutta l'Unione Europea». Mogherini ha sottolineato anche come l'Ue sia «al fianco dell'Italia, che non è sola nel gestire questo dramma. Un rischio per le persone che affrontano questi viaggi, ma anche per la sicurezza di tutta l'Europa».
«CONTINUEREMO A LAVORARE». L'ex ministro degli Esteri ha aggiunto che «sappiamo che è un investimento nella nostra sicurezza comune. E su questo continueremo a lavorare di più. Abbiamo bisogno naturalmente di coinvolgere anche le autorità internazionali, in particolare le agenzie delle Nazioni Unite, sul tema Libia,essendo la Libia il principale canale di passaggio di flussi migratori».

Correlati

Potresti esserti perso