Graziano Delrio 150214131149
POLITICA 22 Febbraio Feb 2015 0900 22 febbraio 2015

Jobs Act, Delrio: «Nessuna umiliazione del parlamento»

Il sottosegretario risponde alla Boldrini: «Renzi è un leader, su Italicum trovato punto di equilibrio».

  • ...

Il sottosegretario Graziano Delrio.

Dopo l'affondo di Laura Boldrini (No ad un uomo solo al comando) è arrivata la replica del governo, per bocca del sottosegretario Graziano Delrio: «Esiste un leader e non c'è stata umiliazione per il parlamento».
L'ex ministro, intervistato da Repubblica ha spiegato: «Abbiamo il massimo rispetto del parlamento però non rovesciamo la frittata. Il parere non era vincolante, non esisteva alcun obbligo di recepirlo».
«AUMENTIAMO OCCUPAZIONE». «Con quei decreti pensiamo di aumentare complessivamente l'occupazione per la prima volta dopo anni di perdita. Se ci sbagliamo siamo pronti a correggerci. Siamo convinti tuttavia che attraverso il mix di misure del Jobs Act fra un anno si vedranno dei risultati».
Su Renzi ha detto che Matteo «ha intorno a sé un gruppo dirigente molto ampio e molto rinnovato».
«ITALICUM, STRADA GIUSTA». Quanto all'Italicum per Delrio «l'obiettivo del governo è una buona legge elettorale e al Senato si è raggiunta un'intesa giusta».
Rifacendosi ai dati dell'Ocse il sottosegretario ha messo in luce come «siamo il Paese che ha fatto il maggior numero di riforme strutturali e profonde».
Questa credibilità «non la manteniamo se si rimette tutto in discussione. Ogni cosa è migliorabile ma in linea di massima, sulla legge elettorale, il punto di equilibrio lo abbiamo già trovato».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso