Roma Feyenoord 150220124350
TENSIONE 24 Febbraio Feb 2015 2026 24 febbraio 2015

Roma, allarme sicurezza per le manifestazioni politiche

Sabato 28 febbraio in piazza Salvini e un corteo di sinistra. Allerta dopo i disordini dei tifosi olandesi. 

  • ...

Roma: tifosi olandesi del Feyenoord fermati dalla polizia in piazza di Spagna prima della sfida di Europa League (19 febbraio 2015).

A poco più di una settimana dai disordini avvenuti nel centro storico della Capitale ad opera dei tifosi olandesi del Feyenoord, Roma si prepara a un'altra giornata 'calda' sotto il profilo della sicurezza. Sabato 28 febbraio sono infatti previste due manifestazioni in città: una lanciata dal leader leghista Matteo Salvini dal titolo 'Renzi a casa' e una controprotesta dei movimenti di sinistra 'Mai con Salvini. Roma non ti vuole'. La prima è in programma dalle ore 15 in piazza del Popolo mentre i movimenti vorrebbero sfilare in corteo da piazza Vittorio a Sant'Andrea della Valle. Un percorso, quest'ultimo, che non sarebbe stato ancora autorizzato dalla Questura.
ANCHE UN PRESIDIO DI CASA POUND. Ma c'è anche un presidio convocato da CasaPound a piazza Vittorio - cuore multietnico di Roma e vicina alla sede del movimento di estrema destra - per disturbare la manifestazione della sinistra. I 'fascisti del Terzo Millennio' appoggiano infatti la Lega Nord. Come se non bastasse, la destra sociale, ostile a Salvini, ha convocato un sit-in a piazza Cola di Rienzo - alle soglie del centro - nel quarantennale dell'uccisione di Mikis Mantakas, militante greco ucciso il 28 febbraio del 1975. Anche quest'ultima iniziativa non è ancora stata autorizzata.
RIUNIONE SULLA SICUREZZA IL 25 FEBBRAIO. Intanto per il pomeriggio del 25 febbraio è stata convocata una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza in prefettura, al quale potrebbe prendere parte il ministro Alfano, in cui si discuterà anche delle manifestazioni di sabato e del dispositivo di sicurezza da mettere in campo. Un passaggio delicato dopo le polemiche dei giorni scorsi che hanno visto il sindaco di Roma Ignazio Marino criticare duramente le misure di sicurezza adottate in occasione di Roma-Feyenoord.
SALVINI: «MI ASPETTO LA PIAZZA STRAPIENA». Il leader della Lega Salvini ha ribadito che per la manifestazione anti Renzi a piazza del Popolo si aspetta di «strariempire» piazza del Popolo. E si augura anche che «in piazza ci saranno persone perbene e pacifiche, spero non ci siano i casinisti dei centri sociali a fare violenza». Ad oggi, ha detto Salvini, ci sono «quattro treni e più di 200 bus, 50 dal sud. Chi verrà a Roma pagherà personalmente le spese, dai 50 ai 70 euro». «Ci saranno nonni, bambini», ha aggiunto, «ho visto in giro manifesti che mi invitano a prendere a calci. Io la politica la faccio non prendendo a calci nessuno. Spero che di di dovere faccia il suo dovere».
IL VICESINDACO CONTRO IL LEADER DELLA LEGA. «Ci auguriamo che la conferma alla nostra manifestazione arrivi quanto prima», hanno detto gli organizzatori, «e che il deterrente all'autorizzazione non sia legato ad eventuali assembramenti di Casapound. Speriamo che il diritto a manifestare venga garantito a tutte quelle realtà antifasciste e antirazziste attive a Roma». Di «inaccettabile provocazione» di Salvini ha parlato il vicesindaco di Roma Luigi Nieri, di Sel. Il rischio è quello degli infiltrati al corteo dei movimenti, fanno sapere in ambienti investigativi, con blitz alla manifestazione leghista, per la quale si attendono almeno 5 mila persone.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso