Salvini 150216110442
RETROSCENA 27 Febbraio Feb 2015 2130 27 febbraio 2015

Lega, Salvini tra la sfida di piazza e le trattative con Forza Italia

Attesa per la manifestazione il 28 febbraio ma resta il nodo Veneto. Ncd alza la posta sulle Regionali.

  • ...

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini.

Da un latto in piazza da solo, dall'altra i flirt con Silvio Berlusconi.
Matteo Salvini è atteso il 28 febbraio a piazza del Popolo a Roma per ribadire il ruolo di anti-Renzi in una manifestazione che si preannuncia gremita.
REBUS IN VENETO. Ma la prova di forza della Lega è ben lontana dal sotterrare l'ipotesi di alleanza con Forza Italia a cominciare da quel Veneto dove persiste il rebus legato alle scelte del 'ribelle' Flavio Tosi.
Dal Veneto partirà il gioco d'incastri per la definizione delle alleanze di un centrodestra nel quale Salvini ha inoltrato all'ex premier un vero e proprio aut-aut: «o me o Alfano».
RISERVE SCIOLTE IL 2 MARZO. Tutto verrà deciso il 2 marzo quando si riunirà il consiglio federale leghista.
Solo allora Salvini, e soprattutto Silvio Berlusconi, scioglieranno le riserve sul da farsi mentre, per ora, l'ex premier, sembra quasi svolgere un ruolo di 'mediatore' tra la posizione leghista e quella alfaniana.
La fedelissima del Cav Licia Ronzulli ha twittato: «Per le Regionali Forza Itaia e Lega si alleeranno».
Ma Veneto e Campania sono elgate da un filo diretto.
Un'alleanza tra Forza Italia e Lega nel segno di Luca Zaia potrebbe infatti allontanare la terza 'testa' della coalizione di centrodestra, Ncd.
NCD PRUDENTE IN CAMPANIA. Gli alfaniani continuano a mal digerire un sodalizio con la Lega e se Tosi optasse per una candidatura solitaria nel segno della Liga veneta è probabile che, assieme a Italia Unica, garantirebbero il loro appoggio al sindaco di Verona.
Più difficile convincere Ncd a sostenere un'alleanza Lega-Forza Italia nel segno di Zaia.
Ma in Campania, dove gli alfaniani vantano un certo 'peso' elettorale, Ncd resta prudente.
«L'alleanza possibile per il Veneto è una sola: mentre sto parlando il governatore della Lega Zaia governa con un vice di Ncd e con una maggioranza in cui FI è fondamentale. Salvini smetta di porre veti a casaccio», ha osservato il consigliere politico azzurro Giovanni Toti, prima in Veneto e poi in Friuli.
VENETO NEL MIRINO DI FITTO. Il Veneto, tra l'altro, è stato battuto a tappeto in queste ore anche dal 'ribelle' azzurro Raffaele Fitto e dai suoi Ricostruttori, che in Puglia non compariranno tra le candidature Fi che fanno capo a Francesco Schittulli, sostenuto invece da Ncd.
Ma è su Stefano Caldoro, in Campania, che Berlusconi punta buona parte delle sue fiche e uno strappo con Ncd potrebbe rendere ben più difficile una vittoria.
RISCHIO SCONTRI. Ma il 28 febbraio, a Roma, a parlare saranno Salvini e Zaia, in una manifestazione, che vedrà anche Casapound in piazza, a rischio scontri e che già nella sua vigilia ha visto disordini con protagonisti i movimenti sociali.
Disordini sul quale Salvini ha tagliato corto: «Non sono italiani, sono 4 balordi dei centri sociali».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso