Mattarella Gauck Berlino 150302132304
DIPLOMAZIA 2 Marzo Mar 2015 1250 02 marzo 2015

Mattarella a Berlino: incontri con Merkel e Gauck in Germania

Il presidente tedesco sostiene le riforme di Renzi: «Impressionati dalla velocità del governo italiano». Il capo dello Stato: «L'Europa cambi passo, soprattutto per i giovani».

  • ...

Il capo dello stato Sergio Mattarella e il presidente tedesco Joachim Gauck a Berlino.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è arrivato nella mattinata di lunedì 2 marzo a Berlino per la sua prima visita ufficiale all'estero: «L'Europa deve riprendere a crescere, a sviluppare la propria integrazione. Soltanto così potrà continuare ad alimentare speranze per le nuove generazioni», ha detto il capo dello Stato, sottolineando la necessità per l'Europa di «cambiare passo». Soprattutto per i giovani, che sono «i più duramente colpiti dalla crisi e aspirano a traguardi di crescita ambiziosi e alla loro portata».
«SINTONIA CON BERLINO». Il capo dello Stato ha incontrato il presidente federale tedesco Joachim Gauck mentre nel pomeriggio ha visto la cancelliera Angela Merkel, con cui ha parlato di temi di politica europea e questioni bilaterali e internazionali, trovando «la conferma della sintonia tra Italia e Germania su tutti i fronti».
«Grazie per gli apprezzamenti per quanto sta accadendo in Italia dove è in corso un processo di riforme impegnative», ha detto il presidente della Repubblica a Gauck. Il presidente federale ha lodato infatti «la velocità e l'efficacia» delle riforme del governo Renzi: «Siamo molto impressionati dalla velocità delle riforme del governo italiano», ha affermato Gauck.
RELAZIONI «SPECIALI» TRA ITALIA E GERMANIA. Mattarella ha affermato che Italia e Germania hanno delle relazioni «speciali: c'è un tasso di condivisione e amicizia altissimo» e devono lavorare insieme per dare «una spinta per la crescita dell'integrazione europea che è sempre più necessaria». Il capo dello Stato ha ricordato che la crisi economica ha portato «difficoltà, ma anche la nascita di strutture più solide» ed oggi «occorre fare di più per fornire una spinta maggiore al rilancio dell'integrazione europea». Mattarella ha insistito nel sottolineare che «le difficoltà sono tante» per cui «la spinta comune di Italia e Germania può contribuire a superarle».
Ai giornalisti che gli facevano notare i dati positivi dell'Istat sulla disoccupazione giovanile e la discesa dello spread, il presidente ha risposto: «Bene. Ma aspettiamo dati sempre miglior».
GAUCK: «RENZI HA DATO SPERANZE DI CAMBIAMENTO». Gauck ha affermato che «il governo di Matteo Renzi è riuscito a dare nuove speranze di cambiamento e ad avviare riforme ambiziose», e si è rallegrato di poter proseguire «l'eccellente cooperazione» avuta con il predecessore del presidente Mattarella, Giorgio Napolitano. Il presidente tedesco si è inoltre detto orgoglioso della profondità dei rapporti italo-tedeschi, rafforzati con il forum dello scorso dicembre a Torino, augurandosi che possa diventare permanente. «La sua visita a Berlino», ha aggiunto, «è il segno del legame particolare tra i nostri Paesi e un gesto di amicizia che non è scontato».
IN SERATA A BRUXELLES. In serata è previsto che Mattarella si sposti a Bruxelles, dove martedì 3 marzo ha in agenda una prima presa di contatto con i vertici delle istituzioni europee.

Correlati

Potresti esserti perso