Vincenzo Luca 140124213259
NODO CAMPANIA 4 Marzo Mar 2015 2315 04 marzo 2015

Delrio chiude a De Luca sulla legge Severino

Il sottosegretario: «Le norme vanno rispettare. Sta al parlamento decidere se cambiare».

  • ...

Vincenzo De Luca.

Graziano Delrio sbatte la porta in faccia a De Luca sulla Severino. Nell'incontro a Napoli col vincitore delle primarie in Campania il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha ribadito l'intenzione del governo a non farsi promotore di alcun intervento sulla legge. Un'impasse è completata dalla indisponibilità dei gruppi parlamentari Dem a prendere una iniziativa legislativa che sbrogli la matassa. Al termine del faccia a faccia il braccio destro di Renzi è stato netto: «Noi ovviamente abbiamo il compito di far rispettare le leggi. Se poi si cambierà questo lo deciderà il parlamento».
E se le Camere non la cambieranno? Hanno domandato i cronisti. «La legge è legge», ha concluso Delrio.
NIET ANCHE DA SPERANZA. A complicare il quadro ci sono anche le parole del capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza: «Una modifica alla legge Severino non è nell'agenda dei lavori parlamentari».
DE LUCA: «LA LEGGE SEVERINO? SE LA METTANO IN FRIGO». Se dunque De Luca ha dovuto incassare un «niet» dal Pd romano, a livello di governo e di gruppi parlamentari, l'ex sindaco di Salerno non ha intenzione di togliere le castagne dal fuoco ritirando la propria candidatura, visto l'esito delle consultazioni interne al Pd campano. «La legge Severino se la possono impacchettare con il fiocco e la carta argentata e metterla in frigo» ha tuonato.
L'EX SINDACO SE ELETTO POTREBBE CONTESTARE LA SOSPENSIONE. Una situazione kafkiana sottolineata dall'ex presidente della Consulta Federico Mirabelli: Vincenzo De Luca non risulta incandidabile, perché non c'è condanna definitiva, ma «una volta eletto si mette in moto il procedimento di sospensione contro il quale poi De Luca alla fine può sempre ricorrere». Quindi, «gli elettori voterebbero uno che viene sospeso, ma che poi può sempre contestare la sospensione»».
VENDOLA: «DIFFICILE CHE IL PD SOSTENGA DE LUCA». Nel frattempo, Nichi Vendola, dopo un incontro a Roma con il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ha detto che sarà «molto difficile» che il suo partito sostenga De Luca alle elezioni regionali. Il 6 marzo è prevista una decisione da una assemblea di Sel campano.

Correlati

Potresti esserti perso