Gentiloni 150122114347
DIPLOMAZIA 7 Marzo Mar 2015 1103 07 marzo 2015

Russia, Gentiloni: «Nuove sanzioni dannose»

Il ministro degli Esteri italiano sull'Ucraina: «Accordo fragile. Ma ci sono segnali incoraggianti».

  • ...

Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

L'Italia dice no a nuove sanzioni contro la Russia. Dopo la visita del premier Matteo Renzi a Mosca, il no è arrivato dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Per l'Italia «qualsiasi iniziativa di rinnovo automatico o di nuove sanzioni» alla Russia «rischierebbe di danneggiare anziché aiutare l'evoluzione della situazione», ha dichiarato Gentiloni. Il ministro poi osserva che l'accordo di Minsk «è fragile e dobbiamo rafforzarlo in tutti i modi» ma «a oggi ci sono segnali incoraggianti».
«OGGI SANZIONI DANNOSE». «Il ruolo di chi fa controlli e monitoraggio è fondamentale», ha sottolineato Gentiloni. Il ministro «rileva che la pressione delle sanzioni è utile, ma al momento non servono né nuove sanzioni né rinnovi automatici». «Questa», ha aggiunto, «è una valutazione che dipende dal fatto che oggi ci sono segnali incoraggianti. Se i segnali diventassero diversi, naturalmente le sanzioni possono cambiare. Ad oggi, qualsiasi iniziativa di automatismi o di nuove sanzioni rischierebbe di danneggiare anziché aiutare l'evoluzione della situazione».

Correlati

Potresti esserti perso