Grecia Tsipras 150216192916
CRISI 8 Marzo Mar 2015 1133 08 marzo 2015

L'Ue alla Grecia: «Lista di riforme incompleta»

Vigilia dell'Eurogruppo. Nessuna tranche di aiuti a marzo. Tsipras chiama Draghi.

  • ...

Yanis Varoufakis e Alexis Tsipras.

Doccia gelata per la Grecia alla vigilia dell'Eurogruppo. La lista di riforme che Atene ha inviato all'Ue in vista del summit del 9 marzo è «lontana dall'essere completa» e per essere attuata richiederà «tempi lunghi». Lo ha detto il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, spiegando che nessuna tranche di aiuti verrà versata alla Grecia nel mese di marzo.
TSIPRAS CHIAMA DRAGHI. L'8 marzo il primo ministro greco Alexis Tsipras ha telefonato al presidente della Bce Mario Draghi e al presidente francese François Hollande. A Draghi, secondo quanto riporta Bloomberg che cita funzionari del governo di Atene, Tsipras avrebbe confermato il rispetto per l'indipendenza dell'Eurotower, raccomandandosi che questa non soccomba alle pressioni politiche. Con François Hollande il premier greco avrebbe confermato la volontà di incontrarsi presto a Parigi.
ATENE PRONTA AL REFERENDUM. Intanto il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, ha puntato i piedi contro l'Eurogruppo. «Non credo sia necessario un nuovo prestito», ha detto in un'intervista al Corriere della Sera, «non torneremo nel meccanismo in cambio di un programma da rispettare. L'idea che proponiamo ai partner europei è quella di un progetto che ridia alla Grecia la possibilità di crescere e fermare la crisi umanitaria».
Varoufakis ha ammonito Bruxelles: se la strada delle riforme proposta da Atene all'Eurogruppo non sarà condivisa dai partner Ue «potrebbero esserci problemi. Ma, come mi ha detto il mio primo ministro, non siamo ancora incollati alle poltrone. Possiamo tornare alle elezioni e convocare un referendum» sulle misure necessarie.
FOCUS SU BILANCIO ED EVASIONE. La lista di riforme che Atene ha inviato all'Eurogruppo comprende l'istituzione di un consiglio di bilancio indipendente per monitorare la spesa del governo, la sua politica di bilancio e quindi valutare se gli obiettivi vengono raggiunti; migliorie sul fronte della predisposizione del bilancio; la messa a punto di uno schema per la lotta all'evasione dell'Iva; un nuovo piano e leggi più dure per riscuotere le tasse non pagate da contribuenti e imprese; un nuovo piano per emettere licenze alle aziende di gioco d'azzardo online; la riduzione della burocrazia e iniziative per affrontare la crisi umanitaria con l'introduzione di buoni pasto, misure per garantire energia elettrica e assistenza abitativa. Costo complessivo: 200,29 milioni di euro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso