Renzi 150306125826
ANNUNCIO 8 Marzo Mar 2015 1803 08 marzo 2015

Renzi: «Sulle riforme ci sarà un referendum finale»

Il premier: «Deciderà il popolo se abbiamo fatto un buon lavoro».

  • ...

Il premier Matteo Renzi.

Matteo Renzi spinge sulle riforme costituzionali e replica allo strappo di Silvio Berlusconi. Il premier, facendo il punto sul lavoro del governo ha scritto: «Ci siamo. Martedì andiamo alla Camera con il voto finale della seconda lettura. Puntiamo al referendum finale perché per noi decidono i cittadini, con buona pace di chi ci accusa di atteggiamento autoritario».
«Il popolo», ha aggiunto, «e nessun altro, dirà se i parlamentari hanno fatto un buon lavoro o no».
LE LINEE GUIDA SULLA LEGGE ELETTORALE. Secondo il presidente del Consiglio, per quanto riguarda la legge elettorale «certezza del vincitore, ballottaggio, garanzia di governabilità, parità di genere, metà preferenze e metà collegi sono i principi cardine. Manca l'ultima lettura - quella finale - alla Camera».
SCUOLA, SENZA OSTRUZIONISMO NO DECRETO. Sulla scuola invece ha detto: «In settimana concludiamo l'esame in Cdm e presentiamo il disegno di legge al Parlamento chiedendo di discuterlo velocemente. Se le opposizioni non fanno ostruzionismo, ma provano a dare una mano anche migliorando il testo, non ci sarà nessun provvedimento di urgenza da parte nostra».
«PIL POSITIVO NEL PRIMO TRIMESTRE». Nel capitolo economia ha precisato che «mutui e compravendita di auto crescono a doppia cifra. Mercato immobiliare, consumi, indice di fiducia delle famiglie e delle imprese tornano al segno più dopo anni. Nel primo trimestre è probabile che il Pil torni positivo dopo decine di rilevazioni negative. Tutto questo deriva dalla solidità delle nostre riforme».
«L'elenco», ha proseguito, «non comprende solo il mercato del lavoro ma spazia dai tanto criticati 80 euro fino alle misure innovative sulla legge di stabilità che ha abbassato le tasse per chi crea posti di lavoro e ridotto l'Irap e dalla recuperata credibilità internazionale del Paese, che è un fattore molto importante per la fiducia dei mercati e quindi per l'economia reale. Ma naturalmente non basta».

Correlati

Potresti esserti perso