Tosi 150206174550
CARROCCIO 10 Marzo Mar 2015 1730 10 marzo 2015

Lega, Tosi apre a Salvini e propone un accordo

Via libera del sindaco a diverse condizioni, ma non al commissario ad hoc. Salvini: «Nessuna lettera».

  • ...

Flavio Tosi.

Alle 14 di martedì 10 marzo è scaduto l’ultimatum della Lega Nord sul caso Tosi. E nel pomeriggio l’ex presidente della provincia di Belluno Gianpaolo Bottacin ha azzardato la possibile espulsione del sindaco veronese. «Fuori! Game over», ha scritto su Facebook.
PROPOSTA SCRITTA. Tosi, dal canto suo, secondo fonti parlamentari citate da SkyTg24, avrebbe inviato a Milano una proposta scritta di accordo, dove avrebbe respinto la figura di commissario ad hoc. Nel testo ci sarebbe il via libera su alcune delle condizioni poste il 9 marzo nell'ambito del comitato di disciplina e garanzia. Tosi starebbe ora attendendo una risposta da via Bellerio.
MA SALVINI NEGA. Da parte su, tuttavia, Matteo Salvini ha negato di aver ricevuto la missiva. Lo ha reso noto l'ufficio stampa della Lega Nord. Il segretario del Carroccio - viene spiegato - «è sempre pronto a valutare una proposta che tenga però conto di quanto stabilito dall'ultimo consiglio federale».
TRE CONDIZIONI. Le condizioni che il comitato avrebbe posto al sindaco di Verona sono sostanzialmente tre: nessuna lista a suo nome alle Regionali venete; lista della Liga veneta decisa dal direttivo nazionale (guidato dallo stesso Tosi), ma nomi da passare al vaglio del commissario ad hoc Gianpaolo Dozzo; infine, garanzie dal sindaco di Verona che non presenterà la sua fondazione 'Ricostruiamo il Paese' in nessun luogo alle prossime amministrative. Dal canto suo, al governatore Luca Zaia sarebbe concesso di presentare una lista a suo nome, ma che sia una civica vera, senza candidati iscritti alla Lega.

Correlati

Potresti esserti perso