Yanis Varoufakis 150311204059
CRISI ELLENICA 17 Marzo Mar 2015 1433 17 marzo 2015

Grecia, Varoufakis: «Non sto continuando a chiedere soldi all'Europa»

Il ministro delle Finanze: «Reclamo una rivalutazione più razionale del programma macroeconomico». Polemica con l'Eurogruppo.

  • ...

Yanis Varoufakis.

Il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis ha rilasciato un'intervista a diMartedì in onda su La7 la sera del 7 marzo nella quale ha parlato del rapporto del debito ellenico con l'Ue: «Non sto continuando a chiedere soldi all'Europa. Sto chiedendo una rivalutazione più razionale del programma macroeconomico di tutta l'Europa e della Grecia in particolare», ha detto Varoufakis. «Ovviamente i soldi sono parte della richiesta», ha aggiunto, «ma non sono tutto».
«COLPA DELLA CRISI? ARCHITETTURA DELL'EUROZONA». La responsabilità della crisi europea, per il ministro delle Finanze greco «è dell'architettura dell'Eurozona». E «i colpevoli non sono persone, né Paesi, né istituzioni»: è che «abbiamo progettato male l'Eurozona, ma ora abbiamo cominciato a ridisegnarla bene», ha detto Varoufakis nell'intervista a diMartedì.
POLEMICA ATENE-EUROGRUPPO. Intanto è scoppiata una polemica tra Atene e il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, che ha evocato per la Grecia l'ipotesi dei controlli ai movimenti di capitali. In un'intervista a Bnr Nieuwsradio, a domanda su cosa fare se il negoziato precipita, Dijsselbloem ha evocato le misure radicali prese da Cipro, dove furono chiuse le banche e limitati i trasferimenti.La Grecia ha replicato attraverso il portavoce del governo, il quale ha chiesto al presidente dell'Eurogruppo di rispettare il suo ruolo istituzionale, spiegando che «Atene non sarà ricattata».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso