Giancarlo Padoan 141016101339
POLITICA 24 Marzo Mar 2015 1801 24 marzo 2015

Anticorruzione, Padoan: riforma profonda

Presentate al Mef le linee guida per la trasparenza delle partecipate. Cantone: «Ampliare intercettazioni».

  • ...

Pier Carlo Padoan.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, presentando la direttiva anticorruzione per le società controllate e partecipate del Mef, ha annunciato una «riforma strutturale profonda, che avrà risultati in termini di efficienza e benessere, perché cambierà i comportamenti». Questo passo avanti, ha aggiunto, «non resterà lettera morta. Anzi, mi aspetto che sarà interiorizzato e applicato». La direttiva, nata per aumentare la trasparenza di quelle società, «sarà a breve emanata dal Mef, tenendo conto delle loro peculiarità», ha spiegato ancora il ministro, aggiungendo che «nei giorni scorsi ci sono stati tavoli di approfondimento anche con la Consob» per estendere il piano anticorruzione presentato dal Mef anche alle società quotate o emittenti titoli.
CANTONE: «INTRODUZIONE DI ANTICORPI SANI». Alla presentazione è intervenuto il presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, secondo il quale le linee guida contro la corruzione nelle società pubbliche possono «introdurre anticorpi sani» contro il mal costume nelle amministrazioni pubbliche. «Nessuno pensa che queste linee guida abbiamo una funzione salvifica o possano servire per sconfiggere la corruzione. Sul piano delle prevenzione alla corruzione è stato fatto tantissimo, ma chi si aspetta da noi soluzioni salvifiche sbaglia, c'è ancora molto da fare. Ma le linee guida possono provare a introdurre anticorpi sani, una cosa fondamentale per applicare le regole». Sul tema delle intercettazioni, ha aggiunto Cantone, «si può pensare di ampliare la possibilità di farle, ad esempio sui reati di corruzione».

Correlati

Potresti esserti perso