Netanyahu 150223195134
CONDANNA 2 Aprile Apr 2015 2345 02 aprile 2015

Nucleare Iran, Israele: «Intesa porterà alla bomba»

Tel Aviv contro accordi di Losanna: «Il 5+1 ha ceduto a Teheran. Sul tavolo resta l'opzione militare».

  • ...

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Dura condanna di Israele all'accordo raggiunto a Losanna sul programma nucleare iraniano: «Le potenze del 5+1 hanno ceduto ai dettami iraniani e l'accordo condurrà solamente alla bomba nucleare di Teheran», è la posizione riportata nella serata di giovedì 2 aprile da fonti ufficiali di Tel Aviv dopo l'intesa.
LA CONDANNA DI NETANYAHU IN UN TWEET. Subito dopo l'annuncio il premier Benjamin Netanyahu aveva ribadito in un tweet il giudizio contrario di Israele e il suo ministro dell'intelligence Yuval Steinitz aveva detto chiaro e tondo che tra le possibili opzioni quella militare resta sul tavolo se «non avremo altra scelta». «Ogni accordo», ha tuonato il premier in un tweet, «deve riportare indietro in maniera significativa le capacità nucleari dell'Iran e fermare il suo terrorismo e la sua aggressione». Nello stesso messaggio ha poi allegato una mappa del Medio Oriente con la scritta Le aggressioni dell'Iran durante i negoziati nucleari che riporta dove Teheran si sta muovendo: dallo Yemen, alla Siria, al Libano, all'Iraq.
IL MINISTRO DELL'INTELLIGENCE DI TEL AVIV: «OPZIONE MILITARE SUL TAVOLO». Steinitz parlando alla radio pubblica ha avvertito che tutte le opzioni, compresa quella militare, restano sul tavolo di fronte alla minaccia di un Iran nucleare. «Israele», ha aggiunto, «deve contrastare ogni minaccia facendo ricorso alla diplomazia e all'intelligence ma se non abbiamo altra scelta...l'opzione militare è sul tavolo». Poi ha ricordato che Netanyahu «ha detto chiaramente che non consentirà che l'Iran diventi una forza nucleare».
In serata lo stesso Steinitz, in un tweet di un giornalista di Haaretz, ha detto che «i sorrisi di Losanna sono fuori dalla realtà. L'Iran ha rifiutato di fare concessioni riguardo il programma nucleare».

Correlati

Potresti esserti perso