Salvini 150303185034
ATTACCO 11 Aprile Apr 2015 1117 11 aprile 2015

Salvini: «La Boldrini è il nulla fatto donna»

Il leader della Lega: «La peggiore presidente della Camera della storia». Poi provoca Renzi: «Usi il tesoretto del Def per gli esodati o andiamo a prenderlo».

  • ...

Il leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Matteo Salvini è tornato all'attacco di Laura Boldrini. «La peggiore presidente della Camera della storia», ha dichiarato il segretario della Lega Nord, rispondendo alla domanda di un ascoltatore di Radio Padania. «È l'ipocrisia, il nulla fatto donna», ha affondato Salvini. Tra i due i botta e risposta non si contano. I campi rom? Raderli al suolo, aveva detto il numero del Carroccio. E lei aveva commentato: «È inquietante».
Lui l'aveva accusata di farlo dormire. Lei aveva risposto con nonchalance: «Un gentleman». Stavolta, però, gentleman, non lo è stato.
«CITTADINI RUNCINO A CITTADINANZA». A Verona poi ha lanciato una nuova provocazione: «Chiediamo a tanti cittadini italiani in difficoltà, disoccupati, esodati, cassaintegrati, di rinunciare simbolicamente alla cittadinanza italiana».
«Poi andremo nelle prefetture a chiedere per questi cittadini italiani lo stesso trattamento riservato ai profughi», ha concluso Salvini.
«TESORETTO DEL DEF AGLI ESODATI O ANDIAMO A PRENDERE RENZI». Quindi il leader leghista è passato all'attacco del governo commentando la notizia del tesoretto di 1,5 mld in più di risorse sul Def. «Siamo disposti ad andare a prendere Renzi a Palazzo Chigi se per caso non dovesse usare i soldi che ha trovato sotto il materasso per aiutare le vittime della legge Fornero», ha attaccato. «Se veramente ci sono soldi in più siano destinati a esodati e disoccupati».
«IN PUGLIA CI SAREMO, ANCHE CON FI». Poi Salvini ha parlato della questione Regionali: «In Puglia noi ci saremo, perché ci chiamano tantissime persone. Se Forza Italia deciderà di fare la strada con noi è la benvenuta».
«Nel centrodestra c'è una confusione abbastanza notevole», ha poi aggiunto il leader del Carroccio.

Correlati

Potresti esserti perso