Immagine 150414194748
BATTIBECCO 14 Aprile Apr 2015 0800 14 aprile 2015

Regionali Veneto, lite Moretti-Berti: salta l'accordo sui tagli

Scintille tra la candidata Pd e quello M5s. Lui: «Sei falsa». Lei: «E tu un pagliaccio».

  • ...

È finito senza accordo e con un principio di lite il confronto tra Alessandra Moretti e Jacopo Berti (M5s) che si erano dati appuntamento il 14 aprile per la firma di un documento per taglio di stipendi e vitalizi in consiglio regionale veneto.
Dopo un breve braccio di ferro sul luogo della firma tra i due candidati alla guida del Veneto, Jacopo Berti ha raggiunto la sede elettorale del Pd.
La discussione si è spostata sul documento da firmare. E alla fine, la firma è saltata.

«Avevo chiesto a Moretti di firmare il nostro documento e mi era stato detto che avrebbe firmato volentieri», ha affermato Jacopo Berti. «Ero venuto qui con la mano tesa per il bene dei cittadini, perché i soldi risparmiati in questo modo saranno versati in un fondo per le Pmi o per il sociale».
Il documento era in Rete «da quasi una settimana» e «mi era stato detto che l'avrebbe firmato volentieri. Nonostante il mio invito sono venuto qui, nella sua sede e sono stato aggredito e mi è stato dato del pagliaccio. Mi pare assurdo».

«IN CAMPO SCELTE CORAGGIOSE». «Dispiace che Berti sia venuto non per ascoltare le nostre ragioni e confrontarsi ma solo per sfruttare un po' di visibilità a favore delle telecamere», ha replicato Alessandra Moretti.
«È con le leggi che si cambiano le cose in Veneto. Noi mettiamo in campo scelte coraggiose, coerenti e oneste. In politica si deve essere seri. Io ho accettato la sfida di Berti dopo aver presentato una settimana fa la mia proposta per i tagli dei costi della politica».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso