Ahmet Davutoglu Erdogan 140822143133
SCONTRO 15 Aprile Apr 2015 1440 15 aprile 2015

Genocidio armeno, la Turchia: «Il papa ha aderito al fronte del male»

Il premier Davutoglu accusa Francesco. Erdogan minaccia di espellere 100 mila armeni.

  • ...

Il premier turco Ahmet Davutoğlu con il presidente Recep Tayyip Erdoğan.

Il premier turco Ahmet Davutoglu ha accusato il papa di aver aderito al «fronte del male» che complotta contro la Turchia e ha definito non vere le affermazioni di Francesco secondo cui il massacro degli armeni è stato il primo grande genocidio del XX secolo. «Un fronte del male s'è formato contro di noi, ora pure il papa vi ha aderito», ha detto Davutoglu.
ERDOGAN AVVERTE IL PAPA. Le parole del premier turco sono arrivate dopo quelle del presidente Recep Tayyip Erdogan, il quale ha avvertito papa Francesco di «non ripetere questo errore». Erdogan ha poi minacciato: «Gli oltre 100 mila armeni che lavorano in Turchia non sono cittadini turchi, li potremmo espellere anche se ancora non lo abbiamo fatto».
PADRE LOMBARDI: «DAL PAPA LINEA COERENTE COL DIALOGO». Padre Federico Lombardi, il portavoce vaticano, ha detto che le parole di papa Francesco sul genocidio armeno si inseriscono in una «linea precisa e coerente, nel solco del dialogo». Padre Lombardi non ha voluto aggiungere altro sulle dichiarazioni di Erdogan.
PARLAMENTO UE, NO AL NEGAZIONISMO. Intanto l'Ue si schiera con il Vaticano. Il Parlamento europeo ha approvato per alzata di mano una risoluzione che riconosce il genocidio degli armeni, rende omaggio alle vittime, propone l'istituzione di una giornata europea del ricordo e deplora ogni tentativo di negazionismo. È passato anche un emendamento che elogia il messaggio di papa Francesco. In una nota del ministero degli Esteri, Ankara ha «respinto al mittente» la mozione Ue, «un esempio senza precedenti di incoerenza in tutti i suoi aspetti».

Correlati

Potresti esserti perso