Graziano Delrio 150308090836
INTERVISTA 19 Aprile Apr 2015 0838 19 aprile 2015

Trasporti, Delrio: «Regole più stringenti sugli scioperi»

Il ministro annuncia un giro di vite: «Il tema è sul tavolo. Tregua per Expo e Giubileo».

  • ...

Graziano Delrio.

Il ministro delle Infrastutture Graziano Delrio ha chiesto una 'tregua' ai sindacati sugli scioperi nel trasporto pubblico locale in vista di Expo 2015 a Milano e del Giubileo straordinario a Roma: «Non possiamo lasciare a piedi i visitatori e i cittadini più deboli», ha detto Delrio, annunciando anche un giro di vite da parte del governo: «È chiaro che servono regole più stringenti».
«A ROMA ACCERTAMENTI IN CORSO». Il successore di Maurizio Lupi è stato intervistato dal Corriere della Sera, e ha commentato così l'ultimo sciopero dei trasporti a Roma, le cui modalità venerdì 17 aprile hanno scatenato proteste e polemiche: «Gli accertamenti sono ancora in corso e non mi voglio sbilanciare, però se si dovesse dimostrare che un piccolo gruppo di persone è riuscito a tenere in ostaggio la Capitale sarebbe un salto indietro nel tempo, una cosa gravissima». Secondo alcune testimonianze, la metropolitana si sarebbe infatti fermata prima dell’orario previsto e i treni avrebbero lasciato i passeggeri a metà corsa.
«PARLERÒ CON I SINDACATI». Secondo Delrio, lo sciopero è e resta «un diritto sacrosanto dei lavoratori», ma «credo sia una questione di sensibilità sociale, di affetto verso il nostro Paese. Parlerò anche di questo con i sindacati, che mi hanno scritto per incontrarmi. Li riceverò presto e volentieri».
Per quanto riguarda la possibilità di introdurre nuove regole per gli scioperi nel disegno di legge sul trasporto locale, che il governo si appresta a presentare nelle prossime settimane, il ministro ha risposto così: «Il tema è sul tavolo, ne stiamo discutendo anche con l’Autorità di regolamentazione dei trasporti. Non abbiamo ancora deciso se ci sarà un intervento di legge o di altro tipo. Ma è chiaro che servono delle regole più stringenti».

Correlati

Potresti esserti perso