Paolo Gentiloni 150424110236
INFORMATIVA 24 Aprile Apr 2015 1054 24 aprile 2015

Lo Porto, Gentiloni: «Agli Usa sono serviti tre mesi per le verifiche»

Il ministro riferisce in un'Aula semivuota: «Renzi informato da Obama la sera del 22 aprile».

  • ...

Paolo Gentiloni.

Il ministro dell'Interno Paolo Gentiloni ha riferito alla Camera sulla morte di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rimasto vittima di un raid Usa in Pakistan lo scorso gennaio. L'Aula era semivuota, con una quarantina di deputati, oltre a due membri del governo e alla presidente Laura Boldrini.
Dopo aver ricordato «un volontario generoso ed esperto del mondo della cooperazione allo sviluppo», il ministro ha ribadito «la vicinanza del governo e mia personale alla madre di Giovanni, la signora Giusi e a tutti i familiari e amici».
Quindi, ha provato a smorzare le polemiche sulla mancata comunicazione da parte del premier Matteo Renzi, spiegando che il presidente del Consiglio è stato avvertito da Obama «nella tarda serata del 22 aprile».
«TRE MESI DI VERIFICHE». La «particolare natura dell'operazione antiterrorismo» nella quale è rimasto ucciso Lo Porto, ha aggiunto, ha richiesto «tre mesi per le necessarie verifiche» prima di poter informare il governo italiano di quanto accaduto. Verifiche che si sono protratte per la natura particolare dell'aerea, che non consentiva un rapido e facile accesso per accertare l'azione antiterrorismo e identificare le persone colpite.
«ULTIMA PROVA DI VITA AD AUTUNNO». L'ultima evidenza che Lo Porto fosse in vita risale «allo scorso autunno». Poi, nell'area di confine tra Afghanistan e Pakistan si sono fatte «sempre più frequenti» le azioni militari. E «tali azioni hanno reso ancora più complessa l'attività di acquisizione» di informazioni sul terreno. E ancora: «Il governo Usa ha confermato che non vi erano informazioni in base alle quali si potesse prevedere che nel compound ci fossero i due ostaggi occidentali».
M5S ALL'ATTACCO. In Aula c'è stato un durissimo attacco a Gentiloni da parte del deputato M5s Angelo Tofalo: «Signor Paolo Gentiloni, lei è venuto qui ad ammazzare per la seconda volta Giovanni Lo Porto», ha detto l'esponente pentastellato richiamato due volte dalla presidente Boldrini.

Correlati

Potresti esserti perso