Federica Mogherini Alto 150211115920
NAZIONI UNITE 29 Aprile Apr 2015 0655 29 aprile 2015

Libia, Mogherini all'Onu: «Tra i piani anche operazione di polizia»

L'Alto rappresentante per la politica estera Ue: «Cerchiamo una partnership». In agenda un incontro con Kerry.

  • ...

Federica Mogherini, Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue.

Missione fitta di incontri al Palazzo di Vetro delle Nazioni unite per Federica Mogherini, Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea.
Al centro dei colloqui in corso a New York c'è il tentativo di definire un quadro di legalità internazionale, all'interno del quale affrontare l'emergenza migranti nel Mediterraneo.
«Non esiste una bacchetta magica», ha detto Mogherini, che non ha escluso il ricorso a operazioni di polizia: «Dobbiamo mettere in campo tutti gli strumenti possibili. La cooperazione, l'umanitario, il rapporto con l'Onu e l'Unhcr, e anche operazioni di polizia per conrastare il traffico» di esseri umani.
ACCORDO PER COMBATTERE I TRAFFICANTI. Alle Nazioni unite, secondo l'Alto rappresentante, esiste già un «accordo pieno sulla la necessità di combattere le organizzazioni criminali. Questa deve essere la priorità, assieme a quella di salvare vite».
Le opzioni sul tavolo, però, non riguardano soltanto le partenze via mare: «I barconi sono solo l'ultimo anello della catena. Dobbiamo lavorare su tutta la catena. Sulla prevenzione dei viaggi della morte, prima ancora che le persone entrino in Libia».
«RAFFORZARE LA COOPERAZIONE». Per ottenre questo risultato si sta pensando a un rafforzamento della cooperazione con i Paesi di transito dei flussi migratori, dal Niger alla regione del Maghreb, dalla Tunisia all'Egitto, fino naturalmente alla Libia. Mogherini ha incontrato l'inviato Onu Bernardino Leon e non ha escluso di avere nei prossimi giorni contatti diretti con le parti libiche: «Sia sul versante della lotta al terrorismo, sia su quello del traffico di esseri umani, abbiamo bisogno di lavorare assieme a loro. Nessuno ha il controllo del territorio, dobbiamo far capire che non stiamo programmando nulla contro di loro, stiamo cercando una partnership».
APPUNTAMENTO CON KERRY. L'Alto rappresentante ha in agenda per mercoledì 29 aprile un incontro con il segretario di Stato americano John Kerry, e ha già incontrato il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif: «Il nostro maggiore impegno è facilitare il negoziato sul nucleare iraniano e assicurare che i colloqui vadano avanti positivamente e velocemente», ha detto Mogherini, ma si affronteranno anche altre questioni delicate, a partire dalla guerra in Siria.

Correlati

Potresti esserti perso