Aula Senato 131005174725
APPROVAZIONE 30 Aprile Apr 2015 1338 30 aprile 2015

Pa, via libera del Senato al ddl di riforma

Ok con 144 voti favorevoli, nessun contrario né usciti dall'Aula di Palazzo Madama.

  • ...

L'Aula del Senato della Repubblica italiana.

Via libera del Senato alla riforma della Pubblica amministrazione, con 144 favorevoli, nessun contrario né usciti dall'Aula, un astenuto. Arriva così il primo sì al ddl, incardinato a palazzo Madama otto mesi fa. Il provvedimento spazia dal digitale ai poteri del premier, dall'addio alla Forestale al riordino della dirigenza.
CONTRO M5S E FI. In particolare, hanno votato a favore il Pd, Ap e il gruppo Autonomie, mentre si sono espressi contro M5s, Fi, Sel, Lega e Gal. I lavori sulla delega hanno preso il via infatti a inizio settembre in commissione Affari costituzionali, che ha licenziato il testo il primo aprile. Diversi gli 'stop and go' che hanno contribuito ad allungare i tempi, ma c'è stato anche un ampio esame del ddl, uscito cambiato dal lavoro della commissione.
CAPITOLI RISCRITTI. Un articolo è stato stralciato altri sono stati inseriti, alcuni capitoli sono stati quasi completamente riscritti. Tra le principali novità inserite dal Senato l'apertura a un polo unico della medicina fiscale, accentrando i controlli sull'Inps, la delega per mettere a punto il cosiddetto 'taglia decreti' ministeriali, il giro di vite sulle azioni disciplinari, la scure sulle partecipate pubbliche. Ora il provvedimento passerà alla Camera dei deputati, per la seconda lettura. L'obiettivo del governo è arrivare al sì definitivo sul ddl entro l'estate. Quanto ai tempi per la messa a punto dei decreti legislativi, l'esecutivo ha più volte spiegato di essere già a lavoro sull'attuazione della riforma, in modo da presentare i primi decreti appena terminato l'iter in parlamento.

Correlati

Potresti esserti perso