POLITICA 7 Maggio Mag 2015 1650 07 maggio 2015

Stop vitalizi ai parlamentari condannati, sì alla delibera

Via libera da Camera e Senato per il blocco delle indennità a ex deputati con pene sopra due anni. Protesta M5s: «Una farsa». Contrari anche Fi e Ap.

  • ...

Via libera dagli uffici di presidenza di Camera e Senato alla delibera che blocca la corresponsione dei vitalizi agli ex deputati condannati per reati considerati gravi.
Il provvedimento, che è previsto entri in vigore tra due mesi, riguarda gli ex deputati che abbiano ricevuto condanne definitive per reati di particolare gravità (mafia, terrorismo e contro la Pubblica amministrazione) con pene superiori ai due anni.
A Montecitorio hanno votato a favore Pd, Sel, Scelta Civica, Fratelli d'Italia e Lega. Non hanno partecipato al voto Forza Italia, M5S e Ap, anche se gli esponenti di Ncd e Udc, pur non partecipando al voto, sono rimasti in aula, mentre azzurri e pentastellati sono usciti fuori al momento del voto.

VIA LIBERA ANCHE AL SENATO. Approvazione più tortuosa al Senato, dove l'ok è arrivato dopo una sospensione della seduta con grillini e Gal che hanno votato contro. Su 19 componenti i sì sono stati 8, 2 no (Gal e M5s per l'appunto) e 1 astenuto (Berger, gruppo Aut). Il presidente Grasso e De Poli (Ap), pur essendo presenti non hanno votato. Il primo perché per prassi non vota e il secondo perché in disaccordo con la delibera.
Dopo Boldrini anche Grasso ha espresso soddisfazione per il rusltato con un tweet.

M5S: «DELIBERA-FARSA CHE COLPISCE SOLO POCHI». «Questa delibera è solo una farsa, che salva la stragrande maggioranza dei politici condannati, tutti i loro amici di tangentopoli, e colpisce solo una piccola cerchia», hanno tuonato i deputati del M5s. «Non partecipiamo al voto», avevano spiegato abbandonando il voto a Montecitorio. «Questa porcata se la votano da soli», ha detto Luigi di Maio, vice presidente della Camera uscendo dall'ufficio.
GRILLO IN PIAZZA A MONTECITORIO. Beppe Grillo a sorpresa ha partecipato a un sit-in in piazza Montecitorio contro le sanzioni che l'ufficio di presidenza ha inflitto ai pentastellati per i comportamenti ritenuti scorretti in aula. Poco prima di arrivare alla Camera, Beppe Grillo aveva scritto su Twitter: «Tra poco sarò a Montecitorio con i 62 sospesi M5S per aver detto Onestà in Parlamento #IoSonoDellaBandaDegliOnesti».
LEGA: «SÌ MA CON MOLTE PERPLESSITÀ». «Abbiamo votato a favore della delibera proposta dal duo Grasso/Boldrini anche se avrebbero potuto essere molto più coraggiosi», ha invece sottolineato il deputato leghista Davide Caparini, segretario dell’ufficio di presidenza della Camera. «Abbiamo molte perplessità sulle modalità di applicazione della delibera causate dall’inesperienza dei due presidenti ma la Lega la sua parte l’ha fatta: oggi era importante portare a casa un risultato, seppur minimo».

Correlati

Potresti esserti perso