Matteo Renzi 150608160843
REPLICA 8 Giugno Giu 2015 1608 08 giugno 2015

Migranti, Renzi: «Guai creati da chi ora urla»

Il premier: «La decisione sulle ripartizioni fu presa da Maroni. Incentivi ai Comuni che accolgono».

  • ...

Matteo Renzi.

Anche il premier Matteo Renzi è intervenuto sulla querelle migranti, scatenata dalle parole del presidente della Lombardia Roberto Maroni, che ha minacciato il taglio dei fondi ai Comuni intenzionati a ospitarli.
«SERVE BUONSENSO». Per risolvere il problema dell'immigrazione «serve buonsenso», è stato l'appello del premier, che ha parlato di una questione rimasta «colpevolmente aperta per troppi anni». «Ci vorranno settimane, è un lavoro di serietà. È facile dire 'occupiamo le prefetture'. Si tratta di risolvere guai causati da chi oggi sta urlando. Nomi e cognomi sono gli stessi». Anche perché «la decisione di dividere i migranti per le varie Regioni è stata presa dal ministro Maroni».
«DOBBIAMO DARE INCENTIVI». Infine, Renzi ha proposto: «Dobbiamo dare incentivi, anche nel patto di Stabilità, a quei Comuni che ci danno una mano» nel gestire l'accoglienza.
Quindi, una frecciata alle iniziative prese a livello cimunitario. «Bisogna prendere atto che la situazione così com'è non va, ci siamo dati una tempistica da qui al Consiglio europeo, cercheremo di portare a casa dei risultati», ha detto Renzi, tornando a definirlo «insufficiente».

Correlati

Potresti esserti perso