Renzi,su legalità da Pd sconti a nessuno
MAMBO 10 Giugno Giu 2015 1247 10 giugno 2015

E ora Renzi rischia di rottamarsi da solo

Il premier sempre più solo. E sempre meno efficace. La sua epoca è già al tramonto?

  • ...

Capita a Renzi quel che è capitato a tutti gli uomini politici di spiccata personalità.
All’inizio vengono adulati o demonizzati (il che è lo stesso), perché li si ritiene irresistibili e vincenti, poi, al primo soffio di vento contrario, la derisione, l’incredulità, le botte alla cieca.
Renzi se l’è cercata. Non si era mai visto un leader che resuscitasse con tanta convinzione un motto da dimenticare, tanti nemici tanto onore. Ha aperto fronti dappertutto, non ne ha chiuso alcuno. Ha serrato le fila della sua classe dirigente e si è perso persino Graziano Del Rio e suoi uomini ormai intiepiditi con lui.
CORRE TROPPO SENZA PENSARE. Spera nel soccorso dei transfughi ridando vita a forme di parlamentarismo nero di un secolo fa. Tutto perché il carattere, che secondo il filosofo segna il destino dell’uomo, lo spinge a correre, quando invece dovrebbe accettare l’idea che è meglio pensare.
Ora i dossier che sono sulla sua scrivania, e in gran parte non aperti da lui, sono tanti, troppi. Per esempio il caso Roma, ormai indistricabile.
Con tutta evidenza Roma era un verminaio in cui ci sono cascati tutti e non c’è leader politico che abbia l’autorevolezza per rimettere in piedi qualcosa che ispiri la volontà di riscossa della Roma che non ha colpe. Marino resiste, ma non durerà a lungo. Orfini è patetico. Pensava di essere il nuovo D’Alema ma pare il piccolo Mastella.
TANTI ERRORI DEL PREMIER. Il dossier migranti è altrettanto difficile da affrontare. I governatori del Nord sono sulla soglia della sedizione, ma il tema che pongono ha fondamento. Renzi in Europa conta poco e dall’Europa ottiene poco. È questo il frutto del fatto che non governa né regna. I re mandavano in giro veri e autorevoli ambasciatori, non studentesse un po’ secchione.
Sulla scuola il premier ha toppato alla grande sprecando l’occasione di una buona riforma. Ora se è intelligente deve armarsi di umiltà e trattare fino allo stremo. Se ha la scuola contro è finito. Possibile che gli insegnanti valgano meno dei tassisti?
Sul fronte politico ha rotto con tutti. Pur avendo profondamente ragione sulla slealtà di molti esponenti della sua minoranza, Renzi non governa il partito, lo fa governare dai califfi e ne è prigioniero. Triste fine per un rottamatore.
Chi non lo ama (come me) ma pensa che la sua caduta sarebbe un guaio, spera che ci sia il colpo di reni, cioè lo scatto che riveli la leadership. Penso non a una intervista bomba, a un tweet azzeccato (che palle!), ma a cose di sostanza.
Invece vedo che il governo Renzi rischia di trasformarsi in un governo balneare. Almeno per ora.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso