Crimea 140402161937
TRATTATIVE 9 Luglio Lug 2015 2112 09 luglio 2015

Iran, intesa sul nucleare appesa a un filo

Obama: chance di accordo meno del 50%. Rush finale nei negoziati a Vienna.

  • ...

Il segretario di Stato Usa John Kerry e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Il negoziato sul programma nucleare iraniano è ormai giunto al rush finale, tra le indicazioni contrastanti dei grandi protagonisti. Il presidente americano Obama ritiene che le possibilità di un accordo a Vienna siano «inferiori al 50 per cento». Il presidente russo Putin vede invece «una dinamica positiva» nei colloqui, mentre il presidente iraniano Rohani ha affermato che il suo Paese si sta preparando per il «dopo sanzioni». Ma per il segretario di Stato Usa Kerry, «nonostante tutti i progressi fatti, alcuni dei problemi più duri restano irrisolti e non staremo al tavolo dei negoziati per sempre».
DIVERSI NODI DA SCIOGLIERE. Si avvicina la nuova scadenza fissata dopo due rinvii, ma la storica intesa, dunque, ancora non c'è. I negoziatori di Iran e grandi potenze mondiali (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania) però non mollano. «Stiamo lavorando duro per finire il lavoro, ma senza fretta», ha affermato il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif.
I nodi da sciogliere, secondo quanto è trapelato, sono ancora notevoli. Riguardano in particolare le ispezioni nei siti militari iraniani, la durata dell'accordo e la revoca dell'embargo sulla vendita di armi all'Iran.
FASE DECISIVA PER L'ACCORDO. Secondo le ultime intese, l'accordo sarebbe dovuto emergere entro la mezzanotte del 9 luglio ora di Washington (le sei del mattino a Vienna), per far avere il testo dell'intesa al Congresso Usa prima che della pausa estiva e concedergli così 30 giorni - invece di 60 - per valutalo ed esprimersi in merito. Ora i negoziatori hanno stabilito che non c'è fretta.
Per qualche altro giorno si può quindi andare avanti. Ma non all'infinito, ha detto Kerry, e come ha ammonito anche la Casa Bianca, «se l'Iran non farà tutti i passi necessari, inclusi quelli per garantire le ispezioni, l'accordo non ci sarà».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso