Pezzotta 150810181822
INTERVISTA 10 Agosto Ago 2015 1729 10 agosto 2015

Cisl, Pezzotta: «I guai sono iniziati con Bonanni»

Lo scandalo mega-compensi scuote il sindacato. L'ex segretario Pezzotta a L43: «Serve una commissione d'inchiesta. Furlan? Rompa col passato o sarà la fine».

  • ...

Ha provato vergogna Savino Pezzotta quando il 10 agosto ha aperto i giornali e ha letto la denuncia di un dirigente della Cisl sui mega compensi che i sindacalisti si sono attribuiti in questi anni.
Per strada le persone lo guardano con sospetto e gli chiedono conto. Ma Pezzotta, segretario dell Cisl sino al 2006, non sa cosa dire ai cittadini, che cosa rispondere agli iscritti di quel sindacato a cui lui ha dedicato tutta la vita.
«FURLAN FACCIA CHIAREZZA». Solo una cosa dice, ma questa volta si rivolge all'attuale leader Cisl, Annamaria Furlan: «Fai chiarezza, sii radicale, ne va di mezzo la sopravvivenza stessa dell'intero sindacato», è l'appello che Pezzotta lancia al segretario Cisl attraverso Lettera43.it.
La richiesta è quella di segnare «una cesura netta con il passato recente», quello 'macchiato' a suo dire da Raffaele Bonanni, da cui Pezzotta prese le distanze, «per recuperare la storia e l'anima vera della Cisl».

Savino Pezzotta, segretario della Cisl dal 2000 al 2006.

DOMANDA. Questa Cisl piange la miseria dei lavoratori ma non certo la sua, viste le buste paga che girano dentro il sindacato...
RISPOSTA. Sono molto amareggiato e addolorato nel leggere queste cose. Penso che è come se avessi sprecato parte della mia vita. Mi sono iscritto alla Cisl nel 1963, trovarmi oggi sul giornale, così a ciel sereno, un articolo di questo genere mi fa soffrire. Soprattutto perché non è un articolo inventato, ma una denuncia precisa.
D. Fatta peraltro da un vostro sindacalista.
R.
Da un dirigente di Verona, Fausto Scandola, iscritto alla Cisl dal 1968. Non uno qualsiasi, non certo un estraneo, per questo quello che ho letto mi fa davvero molto male.
D. Che cosa esattamente l'ha ferita di più?
R.
Mi fa male pensare, e vorrei che ci fosse una chiarificazione, che anche nella Cisl ci sono i furbetti.
D. Quelli che lottano per i lavoratori ma un po' di più per il loro stipendio?
R.
Sembra che abbiano aproffittato di un ruolo che gli è stato dato per fare cose che non dovevano fare.
D. Che cosa deve fare invece la Cisl ora?
R.
Prima di tutto aspetto di capire se la denuncia di Scandola è davvero tutta vera, anche se la stessa intervista che ho letto del segretario Furlan non mi pare la smentisca. Lei promette che correggerà, ma non è che dice: no, è tutto falso.
D. Quindi quelle cifre sono vere?
R.
Non lo so, ma Furlan non ha smentito. Se l'avesse fatto io le avrei creduto, per carità.
D. E questo cosa le fa pensare?
R.
Non ho i Cud per poter verificare quelle cifre. Ma essere uscito dalla Cisl in segno di protesta perché non condividevo che dopo di me arrivasse Raffaele Bonanni, oggi mi fa pensare che non avevo tutti i torti.
D. È con Bonanni che sono iniziati i guai?
R. I dati che riporta Scandola si riferiscono dal 2008 in poi, e non ero certo io segretario della Cisl. Non lo ero da due anni.
D. Bonanni prima di andare via è passato da uno stipendio di 267.436 euro nel 2010 ai 336.260 nel 2011, con un aumento del 25%...
R.
Fate voi i conti...
D. Forse li dovrebbe fare Furlan?
R. Da lei mi aspettavo una presa di posizione più netta, che dicesse: chi ha fatto il furbo è fuori dalla Cisl, se gli stipendi sono stati aumentati senza tener conto dei nostri regolamenti, chi l'ha fatto deve restituire quei soldi. Sarebbe stato un modo per fare chiarezza.
D. Invece?
R. Invece questa sua reazione mi sembra un modo più per galleggiare. Non voglio accusare Bonanni di niente, però quei problemi sono iniziati in quel periodo e Furlan lo sa...
D. Da allora si galleggia, dice, ma forse oggi si annaspa?
R. Quello che temo infatti - e lo dico perchè sono affezionato alla Cisl, sono ancora un iscritto e parlo come tale - è che se non prendono decisioni drastiche, se non fanno una cesura tra l'oggi e il passato recente (ovvero quello di Bonanni) e non recuperano la vera storia del sindacato, chi rischia non sono i dirigenti ma la Cisl stessa.
D. Si spieghi meglio.
R. Questo articolo sui mega stipendi comporta un danno di immagine enorme. Stamattina sono andato a fare una passeggiata e sono stato fermato da tante persone che mi chiedevano che cosa è successo e magari avevano anche qualche sospetto su di me.
D. Sospetto fondanto o infondato?
R. (Ride) Quello che guadagnavo si può ricavare dai miei 730 e non prendevo certo quelle cifre. Sia chiaro, non avevo una brutta paga, ma quella di uno che fa il segretario generale.
D. Quanto, precisamente?
R.
L'indennità c'è sempre stata e non voglio fare polemica sulla paga di Furlan, che non conosco. Ma se vuole sapere la mia posso controllare (la moglie cerca sul computer i pagamenti e gli dice la cifra): allora sono andato via a ottobre 2006 e prendevo 3.183 euro al mese.

Renzi? Non ha bisogno di assist, la Cisl si sta rovinando da sola

D. Scandola ha rivelato ben altri salari, come quello di Ermenegildo Bonfanti, segretario generale nazionale Fnp Cisl: 225 mila euro in un anno. Una scelta che a Scandola è costata l'espulsione.
R. Se uno denuncia anomalie non può essere espulso, al massimo gli si spiega che quelle anomalie non esistono.
D. Invece del chiarimento è scattata l'epurazione: c'è il rischio che questa decisione getti un'ombra ancora più oscura sul sindacato?
R.
Sì, per questo la Cisl ha bisogno di una cesura netta e chiara rispetto a chi si è approfittato della situazione. Queste persone che si sono aumentate così gli stipendi non devono più nuocere al sindacato, devono uscire dall'organizzazione.
D. E come individuarle con certezza?
R.
Intanto si può indire una commissione di indagine fatta da persone per bene che non hanno incarichi politici nè sindacali e siano capaci di fare un esame preciso della situazione per capire chi non ha rispettato il regolamento.
D. Una commissione interna basterebbe?
R.
Sarebbe prima di tutto un gesto per dimostrare che dentro la Cisl certe cose non si nascondono, e che non ci sono interessi intrecciati. C'è bisogno di chiarezza, di una commissione che valuti e prenda decisioni drastiche. Questo è l'unico modo per uscirne.
D. Non è troppo tardi?
R.
La Cisl che conosco io è ancora un grande sindacato perché ha una base meravigliosa, fatta di persone che si sacrificano ogni giorno per difendere il lavoro. E con una base del genere, un'operazione trasparenza radicale è necessaria, aiuterebbe non solo la Cisl ma tutto il sindacato.
D. Perché?
R. Perché queste cose hanno un riverbero generale, basta pensare a come risponde Renzi quando il sindacato condanna le sue decisioni: «Ce ne faremo una ragione», dice, e dà la colpa al sindacato di qualsiasi cosa succeda.
D. Quindi questo scandalo potrebbe essere l'ennesimo assist per il premier per colpire il sindacato?
R.
Ma Renzi non ha più bisogno di assist. Il fatto che questo scandalo sui mega compensi sia uscito così e non crei una reazione radicale interna diventa un assist naturale, non strumentale.
D. Sarete derisi e attaccati da tutti, teme questo?
R.
Certo, ora anche quando si andrà in assemblea tutti chiederanno all'altro: «Ma tu che stipendio hai? Che cosa fai?». «Prima guarda in casa tua».
D. Insomma, una guerra interna?
R.
Sì, non c'è bisogno che ce la faccia Renzi. Per questo serve una cesura.
D. Cosa prova davanti alle persone che per strada le chiedono conto di questa situazione?
R.
Un senso di tormento, mi chiedo che cosa è successo. Perché davanti a questa vicenda non si risponde in termini duri, radicali, mettendo in luce la vera anima di questa organizzazione?
D. Cos'è successo alla Cisl dopo il suo addio?
R.
Io sono uscito per non sostenere il mio successore, perchè ritenevo che Bonanni non fosse adatto, mi sono opposto a tal punto che piuttosto che fare un accordo per avvallare la sua segretaria me ne sono andato. Non sta a me dare giudizi su Bonanni, non l'ho fatto ieri e non lo voglio fare oggi, ma resta il fatto che se me ne sono andato non avevo tutti i torti.
D. Secondo lei Furlan dovrebbe prendere le distanze in maniera più decisa dalla precedente segreteria?
R.
Sì, però bisogna anche ricordarsi da che parte stava Furlan ai tempi in cui io ebbi questa congiura di palazzo...
D. Intende dire che Furlan stava con Bonanni?
R.
Vada a verificare (sorride). Anche se oggi le posso dire meglio Furlan che Bonanni, non ho dubbi su questo.
D. Però?
R.
Però chiedo a Furlan di essere piu drastica, non per sè ma per gli iscritti. Questa denuncia può essere una montatura, ma io non lo so. Lo deve dimostrare l'attuale segretario della Cisl.
D. La sua è una speranza?
R.
Vorrei che la mia organizzazione uscisse da questa vicenda a testa alta, che desse l'esempio alle future generazioni: in questo Paese ci sono giovani meravigliosi, bisogna lasciargli spazio, anche all'interno del sindacato.
D. Quindi continuerà a difenderlo?
R.
Io sono orgoglioso della Cisl, è stata la mia vita. Non sono così orgoglioso di aver fatto il parlamentare.
D. La politica non le piace più?
R.
Quello è stato incidente di percorso che mi ha dato tante conoscenze, ho fatto tante esperienze, ma nella mia vita il mio modo di pensare è stato determinato dalla Cisl. Per questo chiedo a Furlan di fare qualcosa che restituisca il vero volto alla mia organizzazione.

Twitter @antodem

Correlati

Potresti esserti perso