Manifestazione Favore Matrimoni 150609181226
DIRITTI 8 Settembre Set 2015 1807 08 settembre 2015

Gay, l'Ue chiede all'Italia unioni civili o matrimonio

Il parlamento europeo richiama Roma e altri otto Paesi: serve una legge.

  • ...

Italia, Grecia, Cipro, Lituania, Lettonia, Polonia, Slovacchia, Bulgaria e Romania. L'Europa che si oppone ai diritti delle coppie omosessuali ha ancora nove baluardi incrollabili. Ed è ai piedi di questi che il parlamento Ue ha fissato il suo campo per un assedio finale che renda il continente un po' meno 'Vecchio' e molto più giusto.
«Considerare la possibilità di offrire» alle coppie gay istituzioni giuridiche come «la coabitazione, le unioni di fatto registrate e il matrimonio» è la richiesta è inserita nel paragrafo 85 del rapporto sulla Situazione dei diritti fondamentali nella Ue approvato l'8 settembre a Strasburgo.

Con il rapporto firmato dall'europarlamentare del Movimento 5 stelle Laura Ferrara, il parlamento europeo ha anche chiesto alla Commissione Ue di «presentare una proposta di normativa ambiziosa che garantisca il riconoscimento mutuo» delle unioni e matrimoni registrati in altri Paesi in modo da «ridurre gli ostacoli amministrativi e giuridici discriminatori che devono affrontare i cittadini» per esercitare il loro diritto alla libera circolazione.
NO A DISCRIMINAZIONI E VIOLENZA. Nel capitolo dedicato ai diritti delle persone Lgbti, Strasburgo condanna «con la massima fermezza la discriminazione e la violenza» commesse contro questo gruppo di persone e chiede agli Stati di «sanzionare» le cariche pubbliche che «insultano o stigmatizzano» omosessuali e transessuali.
Per questi ultimi il parlamento chiede di facilitare le procedure burocratiche per il riconoscimento del nuovo genere.

Correlati

Potresti esserti perso